Francesco Gabbani ha vinto il Festival di Sanremo 2017 e voi no

Il Festival di Sanremo 2017 è terminato. Il sessantasettesimo Festival della Canzone Italiana ha decretato il suo vincitore nella serata finale, scegliendo Francesco Gabbani con il brano “Occidentali’s Karma”.

L’inizio con i Trikobalto

Per molti Francesco Gabbani non meritava di vincere il Festival di Sanremo 2017, per ancora più persone il cantante è uno sconosciuto, quasi al pari della scimmia che lo accompagna sul palco. In realtà Francesco Gabbani ha già al suo attivo un curriculum, seppur breve, di tutto rispetto. Lui, che per la prima volta il palco del Teatro Ariston di Sanremo lo aveva calcato lo scorso anno, già nel 2010 fu presente al Festival di Sanremo. Infatti partecipa in qualità di ospite al Festival di Sanremo 2010, nell’edizione tenuta al Palafiori di Sanremo, con i Trikobalto, band di cui è voce e cantante, da lui fondata insieme a Niccolò Zaccone alla batteria e Matteo Zarcone alla chitarra. Con la stessa band già qualche anno prima era salito alla ribalta della cronaca ed era conosciuto negli ambienti musicali. I Trikobalto precedentemente avevano aperto nello stesso anno l’unica data italiana degli Stereophonics, avevano aperto qualche anno prima l’unica data italiana degli Oasis, ed infine partecipato all’Heineken Jammin Festival.

Polistrumentista e scrittore

Se ancora non siete convinti del soggetto in questione sappiate che suona più strumenti di quanti voi riusciate a guardarne. Grazie al negozio di strumenti musicali di proprietà della famiglia inizia sin da piccolo a suonare, impara così da piccolo la batteria, suona in adolescenza la chitarra, estende le sue conoscenze al pianoforte e al basso. Per non finire, non avendo un lavoro stabile e ancora successo lavora come Fonico di Sala e Tecnico di Palco.
Una volta scelta la carriera da solista, oltre a scrivere testi e musiche per se stesso, si dedica anche alla scrittura di brani per altri cantanti. In particolare da notare che Francesco Gabbani risulta essere l’autore del brano “L’amore sa”, canta da Francesco Renga nell’album “Scriverò il tuo nome”. Figura nel suo curriculum anche la canzone “Il bambino col fucile”, scritta, musicata e arrangiata insieme a Celso Valli, cantata da Adriano Celentano e incluso nell’album “Le migliori”.
Tra una cosa e l’altra si è anche dedicato alle colonne sonore, diventando, tra l’altro, l’autore della colonna sonora del film “Poveri ma ricchi” di Fausto Brizzi.

L’esperienza a Sanremo

Da concorrente Francesco Gabbani partecipò e vinse il Festival di Sanremo 2016 nella sezione Nuove Proposte. Con il brano “Amen” fu scelto dalla giuria di Sanremo Giovani 2015 per partecipare alla edizione del Festival dello scorso anno, nella cui gara non poche polemiche si portò dietro. Successe praticamente che dopo aver perso la sfida contro la cantante Miele fu riammesso, poiché le votazioni si scoprirono falsate a causa di un problema tecnico in sala stampa, ed addirittura vinse classificandosi per la finale.  Vinse poi il Festival di Sanremo 2016 tra le Nuove proposte e non solo, Francesco Gabbani ottenne il Premio della “Critica Mia Martini” sezione Giovani ed il Premio Miglior Testo “Sergio Bardotti”.
Quella di ieri è già storia, “Occidentali’s Karma” è il brano vincitore del Festival di Sanremo 2017 e Francesco Gabbani è, non tra poche polemiche come sempre, il vincitore tra i Big del Festival di Sanremo 2017.

La canzone NON di Sanremo e la musica che si evolve

Vi è sembrato strano che “Occidentali’s Karma” abbia vinto il Festival di Sanremo 2017? Pensate che il brano sia banale? Che sia troppo orecchiabile? Che musicalmente fosse brutta? Che una scimmia sul palco sia ridicola? Che Francesco Gabbani sia un troll? Cosa non vi è piaciuto di questo Sanremo?
Probabilmente una lamentela la ha ognuno di voi, siate sinceri. Immagino che siate tradizionalisti e avreste voluto un brano sanremese quale vincitore del Festival di Sanremo, ad esempio “Grazie dei Fiori”  “Vola Colomba” di Nilla Pizzi, perchè già vi immagino ogni giorno quando li ascoltate. Oppure avreste voluto “Al di là” di Betty Curtis e Luciano Tajoli, perchè immagino che tutti voi la ricordiate a memoria.
La felice verità è che la musica cambia, si evolve, cambiano i testi, e non sempre vincono i brani che dicono in maniere diversa il tipico messaggio “io ti amo, tu mi ami, sposiamoci“. Immagino che già nel 1970 fece scalpore, in modo diverso,”Chi non lavora non fa l’amore” di Adriano Celentano e Claudia Mori. Trattare il tema del lavoro pochi anni dopo il ’68, portarlo a Sanremo, raccontarlo in chiave ironica, non è stato sicuramente semplice. Ad ogni modo che quella vittoria portò con se non poche polemiche è storia. Le cose l’anno dopo tornato alla normalità, ma sicuramente il Festival di Sanremo si era spostato un poco più in là.

L’Italiano della Terra dei Cachi

La triste verità è che la musica che ci rappresentà è quella di Toto Cutugno, uno che in termini di vittorie mancate e secondi posti batte persino Lenoardo DiCaprio. Uno dei più grandi successi internazionali, ad oltre 30 anni dalla partecipazione a Sanremo è “L’Italiano”, brano che gioca sugli stereotipi italiani e che ci prende in giro. Eppure gli italiani nel mondo lo cantano fieri. Eppure è il più grande successo internazionale che la storia del Festival di Sanremo ricordi.
Sanremo non è stato, esattamente 20 anni fa, quello de’ “La terra dei cachi” di Elio e le Storie Tese, altra canzone di denuncia sociale con una alta dose di ironia. Non li hanno fatti vincere, nonostante fosse stata la canzone più votata, e, probabilmente, anche quella migliore musicalmente parlando. D’altronde il brano non faceva altro che allargare “L’italiano” di Toto Cutugno mettendoci insieme gli scandali di Tangentopoli, della corruzione, della criminalità. Per avere il giusto tributo Elio è dovuto finire ad X Factor, e Rocco Tanica a fare l’inviato del Festival di Sanremo. Ma ancora una volta la musica si era spostata più in la.

La banalità e i talent show

Forse un ulteriore stacco è arriva con “Luce (Tramonti a nord-est)” di Elisa, che per quanto il testo non sia tra quelli che gradisco, ha introdotto una nuova freschezza in quel che era Sanremo. Peccato che il meglio lei lo abbia sempre dato in lingua inglese. Soprattutto peccato che arrivavamo dagli Avion Travel dell’anno prima.
C’è da dire che purtroppo il genere musicale, ed ancor di più il testo banale. ha sempre fatto molto breccia nel cuore degli italiani. Siamo populisti, lo siamo da sempre. Lo siamo dai tempi del fascismo. Prendete i Timoria, musica ben fatta, testi impegnati, musicisti bravi, voce del cantante superba. Togliete tutto e lasciate solo il cantante, metteteci due canzoni smielate ed eccovi Francesco Renga, vincitore di un Festival di Sanremo e di un Premio della Critica “Mia Martini”.
Tutto questo per arrivare negli ultimi anni al dominio dei Talent Show e degli amici di Maria De Filippi. Negli ultimi 9 anni ben 5 vincitori del Festival di Sanremo arrivano dai Talent Show: 3 da Amici di Maria De Filippi, 1 da X Factor, 1 (un trio) da Ti lascio una canzone.Insomma il preconfezionato per gli usufruitori di TV.
Ci hanno pensato per un attimo gli Stadio a farci tornare indietro di 15 anni, e poi Francesco Gabbani. Il Festival di Sanremo ancora una volta si è spostato più avanti.

Quelle che capiscono la canzone e quelli di cui parla

Musicalmente parlando il brano è semplice, orecchiabile, anche il testo è di quelli che ti rimane nella testa. Ma fermi tutti. Se lo si legge bene, con attenzione, si capisce che non è un banale testo senza significato, anzi probabilmente è quello con più significato di tutto il festival. E’ una denuncia sociale, sulle abitudini odierne, sul livello culturale, sulla vita. E’ filosofia, sociologia e saggezza.
E’ la pura descrizione dell’involuzione che si ha con l’innovazione. E’ la spiegazione del populismo ai tempi di internet. E’ l’esasperazione del quotidiano.In una strofa o nell’altra ci descrive tutti. Si, esattamente, ho detto tutti. Ognuno di noi, in un modo o nell’altro è dentro quel testo. Ci sono anche Io. C’è anche Francesco Gabbani stesso.
Tutto è studiato nei minimi termini, non è lasciato al caso o messo alla rinfusa, dalla musica alle parole, dal video alla coreografia sul palco, dalla scelta dei colori alla scimmia.
E’ tutto perfetto. E se non lo avete capito, se non avete capito la canzone e tutto quello che ruota intorno ad essa, probabilmente di voi nel testo si parla, più di chiunque altro.

Il ritardo della musica EDM Italiana e l’Eurovision Song Contest

Che ci crediate o meno, Francesco Gabbani ha dato lo spunto per la creazione di  un filone: l’EDM Italiano, l’elettrop d’autore. So che avrete molto da ridire in merito, ma diciamocelo chiaro, qualsiasi genere in Italia prende una sua particolare piega, sarà anche questo così. E purtroppo sarà l’ennesima cosa che arriva con anni e anni di ritardo in Italia, speriamo non sia troppo tardi.
No, non è il rock elettronico dei Subsonica, non è il synth-pop de’ I Cani, non è nemmeno quel New Wave elettronico dei Righeira, è solo un nuovo modo di fare EDM, è Electronic Dance Music Italiana.
Tutto questo ci apre uno spiraglio su una competizione dove ormai da anni non abbiamo voce in capitolo, nonostante la sua nascita avviene come copia in formato europeo del Festival di Sanremo. Sto parlando dell’Eurovision Song Contest, concorso dove diverse nazioni dell’Europa si contendono il titolo di miglior brano. Probabilmente con un brano del genere le possibilità di una vittoria italiana esistono, basta che Francesco Gabbani ci metta la sua faccia (da schiaffi), musica altrettanto piacevole e testo interessante, magari fatto in inglese, e il risultato è bello che fatto.
Ma attenzione, niente scimmia questa volta, il regolamento dell’Eurovision Song Contest non permette animali sul palco!

A questo punto vi lascio il video del brano “Occidentali’s Karma” di Francesco Gabbani, e vi invito ad ascoltarla ancora una volta.
Voi un quale categoria siete? Tra quelli che hanno capito il testo o siete quelli di cui si parla?

.

Non so se la Mafia esiste, ma la ‘Ndrangheta si

Cara presunta ventenne (orgogliosamente gioiese),
tu che hai scritto a ZMedia, il giornale della Piana di Gioia Tauro più razzista che ci sia, tu che ieri sera hai visto il film tv “Solo” come me e tanti altri compaesani, vorrei che sapessi un poco di cose.
Sono Giuseppe Guerrasio, ho un nome, non mi chiamo ventenne, nè trentasettenne, che più si addice alla mia età. In una realtà libera il proprio nome lo si dice.
Sono un onesto lavoratore, lo sono da sempre, da quando ho avuto la maggiore età, e sono stato sempre una persona retta, non sono uno ‘ndranghetista, non sono un mafioso, non sono un delinquente, ma questo non significa che non esiste la deliquenza a Gioia Tauro, anzi, questa è la giustificazione che spesso si da: “non siamo tutti mafiosi”, però i mafiosi non li conosciamo nessuno, non esistono.

Vorrei dirti che la fiction “Solo”, andata in onda ieri su Canale 5, non vede protagonista Gioia Tauro, ma che è ambientata a Gioia Tauro, non so se rendo l’idea, ma è per farti capire il fine. Sai, l’ambientazione di un film, di una serie tv, si sceglie per esprimere un concetto, per rafforzare un’idea, per identificare un qualcosa. Immagina se ad esempio avessero girato “2001: Odissea nello Spazio” in un campo di calcio, oppure “Il Signore degli Anelli” in una Los Angeles moderna, insomma capirai che non sarebbe stato lo stesso no?

Ti dirò la verità, che sono d’accordo con te che vedere come siamo rappresentati non sia motivo d’orgoglio, anzi ancora peggio di te penso che un film ambientato nella piana di Gioia Tauro non è una cosa bellissima, tutt’altro, perchè alla fine si colgono solo cose negative. Ma non sono d’accordo con te su molte altre cose.

E’ vero, come dici tu, che Gioia Tauro non è la mafia, ma quando dici che la mafia è ovunque generalizzi e giustifichi quel che di mafia c’è qua. E’ vero che non tutti i cittadini gioiesi sono mafiosi di Calabria, ma è anche vero che a Gioia Tauro la ‘ndrangheta c’è, esiste, non la vedi magari, ma c’è. La ‘ndrangheta c’è da oltre cent’anni ormai ed è ben radicata.
E’ vero che quando vai fuori dal tuo paese per pochi Km vieni additato con frasi del tipo “Da voi c’è la mafia, tu sei un mafioso”, lo so bene, ho girato tanto in vita mia ed è accaduto anche a me, ma la mia risposta è stata “Si”, perchè da noi c’è la ‘ndrangheta. Solo che dopo aver risposto si sono stato la a spiegare che non si è tutti mafiosi, che è ben diverso dal supporre che la mafia sia ovunque. E’ anche vero che le attività delinquenziali vengono esportate dalla Calabria, perfino all’estero, ricorderai sicuramente la Strage di Duisburg.
E’ vero anche come dici tu che la mafia è ai vertici, ma parte dal basso, spesso parte da qua, ne sono la prova diverse sentenze, sono fatti non invenzioni, dei rapporti tra ‘ndrangheta e politica ci sono oltre 40 anni di fatti, oltre quaranta anni di realtà, a partire dai famosi Fatti di Reggio Calabria del 1969 ad arrivare all’ultima operazione Mammasantissima, tutto questo senza dimenticare implicazioni nel Caso Moro e l’Omicidio Ligato, giusto per dirne due importanti.

Dici che a Gioia Tauro i bambini non vengono uccisi, è vero, ma non dimentichiamoci che in altre realtà molto vicine si, ti ricordo solo in ultimo Cocò, ucciso a Cassano allo Jonio, ma anche il poco meno recente Dodò, ucciso a Crotone, per arrivare infine a Giuseppe Bruno, ucciso nella vicina Seminara, negli anni ’70, quando aveva soltanto 18 mesi. Tra l’altro, forse non avrai visto bene il film, il bambino non viene ucciso, per fortuna.

In merito al dialetto, hai pienamente ragione, a Gioia Tauro si parla dialetto Calabrese, cioè una delle tanti varianti, perchè sono tanti, ma immagino tu possa capire che nascono due esigenze: una dettata dalla produzione e dagli attori, una dal pubblico. Capirai così bene che gli attori non possono imparare i vari dialetti dei vari paesi presenti nel film, perchè come avrai notato sono nominati altri paesi e frazioni, come Taurianova, Cannavà, Palmi, Rosarno, e si saprai sicuramente anche che cambiano diverse parole e diverse espressioni. Inoltre forse non hai compreso bene che è una fiction, e qui ci tengo a precisarti che è una storia romanzata, cucita per fare ascolti in TV, non un documentario, contiene quindi elementi di fantasia, non reali, e non riprende fedelmente i nomi delle vie e le attività commerciali, quello che interessa ai produttori avere una storia un poco credibile, una storia banale se noti bene, in cui chi parla si esprime con un linguaggio che può essere compreso dagli spettatori, ecco il motivo per cui il dialetto sembra siciliano, e mi spiace deluderti ma siciliano non è.

E’ vero che al Porto di Gioia Tauro ci sono onesti lavoratori, tanti onesti lavoratori, e non mi è sembrato che siano stati dipinti tutti come malfattori, non ho visto disegnati tutti i padri di famiglia come mafiosi, però è innegabile il fatto che si fanno affari grossi in modo non pulito in quel posto, non sono pochi i sequestri di prodotti contraffatti o di carichi di cocaina che passano dal Porto di Gioia Tauro, né è un segreto il fatto che per anni sia stato pagato un kickback di un dollaro e cinquanta centesimi per ogni container trasbordato. Sono fatti, anche questi, purtroppo.

Io capisco quando dici che non è vero che le tue coetanee non possono  uscire con le amiche o indossare una gonna, ormai non è più così in nessun posto nella zona, e non siamo così trogloditi, ma forse non conosci tutta la realtà, perchè se non escono tu non le vedi e non lo sai, e in molti paesi limitrofi o comunque vicini succedono ancora le cose peggiori alle ragazze, se non lo sai o non le ricordi ti dico io due casi: Anna Maria Scarfò di San Martino e Chiara di Melito.

Sono convinto che Gioia Tauro abbia bisogno di rinascere, di risollevarsi, ma il primo modo per farlo è iniziare ad ammettere che la ‘ndrangheta esiste, che ci sono persone brave e cattive, che ci sono grandi lavoratori e grandi delinquenti. Probabilmente al Nord non sanno che il Sud non è solo quello, ma sono certo che se ci dipingono così è perchè quella è l’idea che diamo di noi. Magari dovremmo iniziare a rifiutare di lavorare in nero, ad abbassare la testa sempre, a giustificare ogni cosa, e dovremmo dire basta ad ogni sorpruso.
“Solo” è solo una fiction, ma la realtà non è poi tanto lontana.

Sono certo che la ‘ndrangheta esiste, che sia un problema prima di tutti nostro, e che io ne ho paura.

Festival di Sanremo 2016

L’inutilità della quarta serata del Festival di Sanremo 2016

Come da storia è confermato, la quarta serata del Festival di Sanremo 2016 è ampiamente inutile. Insomma, dopo aver sentito le canzoni di tutti, aver sentito le cover (ed ancora mi chiedo perchè, quale è il motivo di farli cantare nuovamente tutti? Io non riesco proprio  capirlo, so solo che non ho alcuna ispirazione, quindi sarò breve, anche perchè oggi ho poco tempo visto che apre il Dave’s American Food.

Il Festival di Sanremo 2016 dura troppo

Si, è vero, il Festival di Sanremo 2016 dura troppo, dura troppe puntate inutilmente, e la quarta puntata dura troppo anche da sola, non ho capito in sè la serata quanti giorni è durata, ma ad un certo punto pensavo di essermi confuso ed aver girato su Telethon. Se poi proprio devono fare questa benedetta serata di ripassi, facciamo le cover al contrario, prendiamo artisti veramente bravi e facciamo riarrangiare le canzoni di questo Festival. Oppure, meglio ancora, dedichiamo una serata di Sanremo solo agli ospiti.

Le Nuove proposte ed il loro poco spazio

Quest’anno, come ho già detto ieri, le Nuove Proposte non hanno avuto spazio, Sanremo non è un palco per giovani, soprattutto non è un palco per chi vuole innovare. Ad ogni modo ha vinto Francesco Gabbiani, ma la sua canzone non ho idea di quale sia ancora ora, nè chi sia lui. Però tra i partecipanti a questa sezione della kermesse (che vi ricordo è il termine che devo usare almeno una volta al giorno) mi sono rimaste impresse due cose: il balletto di Chiara Dello Iacovo che ha le mosse integrate nelle canzoni, e oltre al nome naturalmente, Ermal Meta che è arrivato vestito da Carnevale con qualche giorno di ritardo.

I Big che non sono grandi

Dal Festival di Sanremo 2016 ho appreso che non ci sono veri big, ci sarebbero potuti essere, magari gli Stadio, però hanno deciso di abbassarsi tutti allo stesso livello, eccezione fatta forse per Elio e le Storie Tese.

Nel corso della serata abbiamo visto gli Zero Assoluto notando che somiglia più la loro canzone a “Goldrake” che la cover di ieri sera, avevo un turuturututtu nella testa, sono riusciti a togliermelo gli Zero Assoluto stessi.

Mentre guardavamo la trasmissione hanno tolto un attimo il volume e guardando Rocco Hunt cantare sembrava una canzone fatta col linguaggio dei segni. La sua è la mia canzone preferita, ma per inerzia.

Continuando, sarà che non amo i figli d’arte in generale, però qui c’è una questione diversa, che esula dall’arte musicale, è accaduto che dalle retrovie chi guardava il Festival insieme a me dice “che bella stasera Irene Fornaciari”, io a quel punto mi sono alzato a porgergli gli occhiali.

Una cosa stupefacente della serata è stato il travestimento di Elio e le Storie Tese che hanno optato per la maschera di Gabriel Garko. Loro mi piacciono, sono difficili da capire, ma non saranno mai acclamati per la loro bravura. Purtroppo.

Arriva la canzone che dice che la felicità arriva, io se la felicità arriva con la faccia di Neffa la rimando indietro. Magari lui mi manda il messaggio con i Messaggeri della Dopo e diventiamo tutti amici.

L’ingresso dei Bluvertigo mi fa finalmente capire perchè Morgan è senza voce, è il nodo fatto alla cravatta per farla diventare papillon che stringe troppo.

Clementino mi mette simpatia, mi da l’impressione di uno che ci mette il cuore nelle cose che fa, però una cosa voglio dirgliela: Clementino, se sbagli due tempi verbali sei Checco Zalone. Soprattutto non ho capito perchè per fare il ritornello abbia preso il motivo di Targato NA di Principe e Socio M, quello lo avevano già portato a Sanremo.

Sul resto non voglio nemmeno esprimermi, so solo che dopo Padre Pio, porteranno al vaticano la salma di Patty Pravo.

Una divina Elisa e tutti gli altri

La super ospite musicale della serata (ancora una volta targata Sony) è Elisa, che ripropone un medley dei suoi brani più famosi e dimostra di essere una artista vera. Immagino che ad un certo punto Francesco Paolo Salerno abbia avuto paura, visto anche i buchi neri tra le onde gravitazionali che proponeva la cantane, che stesse vestendo un suo abito, voglio rassicurarlo, quello di Elisa era un tatuaggio. Per il resto io mi sono alzato in piedi già prima che iniziasse, ha dimostrato umiltà, bravura e professionalità, ci vogliono più Elisa in Italia.

Per il resto abbiamo avuto Enrico Brignano che avrebbe dovuto fare il momento comico, ma è stato drammatico, probabilmente come ha detto David: se Virginia Raffaele lo avesse imitato avremmo riso di più.

Poi c’è stato uno che mi hanno detto fosse famoso un altro che ha cantato, per me era cappuccetto rosso. E poi ancora un altro gruppo che non ho digerito.
Ah c’è stato anche Rocco Papaleo, che non mi fa più ridere, insieme ad Alessandro Gassmann.

Virginia Raffaele deve condurre da sola

La serata è stata ripagata dal personaggio di Belen, interpretato da Virginia Raffaele, che rende quasi meglio di Belen, ed io stasera spero di vederla vestita da se stessa. Io voglio vedere Virginia Raffaele che interpreta Virginia Raffaele. Regge il palco fin dal primo giorno come se fosse a casa sua, è simpatica, brava, bella, ha tutto. Il prossimo Festival di Sanremo fatelo condurre a lei da sola.

Per il resto Carlo Conti ancora una volta è stato posato e piatto, Madalina Ghenea è uscita vestita nuda, che è un bel vedere sia chiaro, infine non ho capito perchè Gabriel Garko parla con finto accento americano?

In attesa della finale

Questa notte finisce questa tragedia, non ho pronistici, due favoriti che ormai sapete però si. Chi vince alla fine? Giochiamo a fare i pronostici?

Festival di Sanremo 2016

Come ho immaginato la terza serata del Festival di Sanremo 2016

Siamo alla terza serata del Festival di Sanremo 2016, chi ha letto i miei resoconti sulla prima e sulla seconda puntata sa che ieri sera non ho visto la trasmissione TV ma anche che avrei provato a capire quel che è successo nel corso della competizioni, così aiutato dagli amici su Facebook, Twitter, Google+ e dal team di MelodicaMente, ho immaginato la puntata della kermesse musicale (oggi userò ben due volte la parola kermesse) ed ora ve la racconto.

Sul perchè non ho visto la terza puntata del Festival di Sanremo 2016

Chi mi conosce nella vita reale sa che io non amo le cover band ed evito quasi sempre i concerti nei locali della zona dove non sono presenti band che propongano loro canzoni. Quindi se non mi piacciono i gruppi che fanno cover, perchè mai mi sarei dovuto mettere davanti alla TV a guardarli? Ecco, non è vero niente, ho avuto in realtà un impegno personale, sono certo di esservi mancato live.

Le Cover, ovvero come rovinare belle canzoni

Per me Sanremo ieri sera è iniziato alle 21.45, quando ho ricevuto due messaggi su Whatsapp che mi informavano che mi stavo perdendo le cover. Le cover!!?!??!!! Cioè come se mi stessi perdendo l’esibizione di Jenna Jameson nel letto di casa mia e al posto di esserci io a subirla ci fosse mio cugino Michele. Che poi mio cugino Michele non parla con le donne italiane, immaginiamo con le americane. Vabbè ma questa è un’altra storia.

Comunque la prima cosa che scopro è che Patty Pravo, sempre più plastica, è alla ricerca di se stessa non riconoscendosi più, ritrovandosi quindi in un suo brano, così giusto per prendere un poco di soldi di diritti dalla SIAE. Ma a sto punto non poteva fare il duetto come ha fatto la Pausini la prima serata? Ho provato a vedere il video per capire chi fosse sto Fred De Palma che catava con lei, ho solo notato proprio nel pezzo che dice “ora i tuoi capelli stan toccando il vento” che Patty Pravo aveva un pulcino in testa.

Con Goldrake, gli Zero Assoluto mi hanno fatto rimpiangere Alessio Caraturo e volendo, seppur non abbia mai cantato questa canzone, anche Cristina D’Avena. Mi sarei aspettato comunque un qualcosa del tipo “Io sto tranquillo se ci se turuturututtu“. Mi hanno deluso, magari la prossima volta faranno un trio con Giorgio Moroder. Da notare che qui la gente si è sbracciata scrivendomi per farmi notare la cosa, solo che non ho capito se lo hanno fatto per la violenza sul nostro caro Ufo Robot o per il solo fatto che mi piaccianoi manga e gli anime.

Di Francesca Michelin nessuno mi ha detto nulla, però ho voluto ascoltarla di mia iniziativa visto che il brano “Il mio canto libero” è uno dei miei preferiti. Devo dire che la tizia non mi è dispiaciuto, soprattutto non mi è dispiaciuto che Francesca Michelin stasera non dimostrava 14 anni. Non ho ben capito perchè durante l’esibizione aveva un tic che le portava a fare degli scatti a sinistra con la testa. Ditemi la verità non ha una qualche malattia e mi sono appena sparato una figura di merda vero?

Sulla cover di Valerio Scanu, che al solito si commenta da se, c’è stato il putiferio. Mi sono arrivati messaggi ovunque, da chiunque, anche un avviso di garanzia della Guardia di Finanza. Guardando bene Scanu in faccia ho notato che assomiglia ad un mio amico, Roberto, ma anche questa è un’altra storia. Lo scempio è stato rovinare “Io Vivrò (Senza Te)” di Lucio Battisti, suonando il pianoforte, per la prima volta in vita sua. Chiarisco per evitare confusioni di sorta, non è che abbia suonato questa canzone per la prima volta al pianoforte in vita sua, nè che abbia suonato dal vivo il pianoforte per la prima volta mentre cantava, era proprio la prima volta in vita sua che suonava un pianoforte. Tornando comunque al fatto dei messaggio, c’è stato uno stato di agitazione tale che praticamente è diventata una psoriasi nella kermesse, con gente che dal forte prurito ha dovuto scrivermi in ogni dove: social, alcuni anche offline, nella vita reale come dicevo, in ultimo il piccione viaggiatore. Insomma ha vinto lui per me.

Nel frattempo mi hanno anche detto di Dolcenera, chi confermando che si è fatta bona, chi dicendomi che è una nana, chi dicendomi che ha cantato bene. A quanto pare appena finita l’esibizione la aspettavano al comune di Sanremo per la cerimonia nuziale visto che era già in abito da sposa per l’imminente matrimonio, ma alla fine, nonostante ho visto 30 secondi in cui si dimenava sul palco pronta ad avere un attacco epilettico, non ho capito una cosa, quale cover ha fatto Dolcenera?

I Bluvertigo ho voluto vederli io. Li ho solo visti, visto che la voce di Morgan è perennemente assente. Una cosa è chiara, Morgan e i Bluvertigo hanno inventato le canzoni mimate.

Vincono facile Elio e le Storie Tese, il loro brano è praticamente già una cover, ma ieri sera hanno proposto “A Fifth of Beethoven” di Walter Murphy and the Big Apple Band, traducendola in “Quinto Ripensamento”. Con estroverso estro che non provoca mai astio Elio e Le Storie Tese ancora una volta si mettono un gradino sopra tutti.

Del resto scopro che la serata l’hanno vinta gli Stadio, e li sto ascoltando proprio in questo momento per non restare insieme. Inoltre Clementino, Neffa e Rocco Hunt hanno voluto fare i napoletani, chi più chi meno riuscendoci, il resto è solo citazione di Califano: Noia.

Le Nuove Proposte, assenza di questo festival

Non ho ancora compreso bene il fatto del perchè quest’anno i giovani non sono proprio stati tolti di mezzo, stanno passando in radio da mesi i pezzi delle nuove proposte perchè a detta loro avevano bisogno di più spazio, invece lo spazio sul palco gli è stato praticamente tolto. Unica nota pervenuta è che a metà spettacolo hanno detto di aver fatto una gaffe un’ora prima, facendo vincere uno al posto di un altro. Non chiedetemi nomi e canzoni perchè non ne ho la minima idea, nemmeno chi mi ha scritto dell’accaduto lo sa.

Gli ospiti e i Matusalemme

La serata inizia praticamente con un ospite che propone tra le altre cose delle immagini in bianco e nero, non è un caso, è la dedica agli ospiti musicali di cui parlerò dopo, però a proporle è Marc Hollogne con il suo Marciel, la cosa negativa è che nessuno mi parla di lui.

Il clou della serata è stata la presenza dei Pooh con tanto di Riccardo Fogli, i quali vedendo il Festival di Sanremo 2016 hanno avuto la risposta alla domanda “Chi Fermerà la Musica”?, ecco l’hanno fermata i big in gara sul palco dell’Ariston. Con la certezza che tutti i Dear Jack hanno insieme l’età di uno solo dei membri dei Pooh noto tra le varie cose che Riccardo Fogli è un Dracula ancora attivo, che Stefano D’Orazio quando suona la batteria usa la tecnica “sbattere le uova per fare la frittata”, che c’è stato un momento in cui quando Carlo Conti ha detto che “l’Avanguardia sono loro” nello stesso momento c’è stata sul palco dell’Ariston da un lato l’apparizione del trio Demetrio Stratos, Augusto Daolio e Francesco di Giacomo, e dall’altro la la trasfigurazione del trio Frank Zappa, Lou Reed e Richard Strauss.
Hanno anche parlato del tour della band, per festeggiare i 100 anni di ognuno di loro a quanto ho appreso, ed ho anche capito il senso del brano “dammi un solo minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora”, con sta scusa del minuto in più ogni volta, questi campano 300 anni almeno. Il tour comunque dura fino al 31 Dicembre 2016, ma secondo molti non ci arrivano tutti alla fine.
Il fatto che comunque abbiano un successo inaudito, che hanno scatenato l’inferno denotano che è ciò che ci meritiamo: il fuoco eterno.

Degli altri mi dicono che Pino e gli anticorpi un poco fanno ridere, ma non si capisce perchè si ride solo dopo mezzanotte. Di Hozier è inutile dire qualsiasi cosa, dopo una serata del genere anche Hulk Hogan avrebbe avuto successo cantando, comunque il super ospite straniero sembra essere stato bravo.

Purtroppo i presentatori

Ci sono anche i presentatori, ma CArlo Conti è più nascosto di Licio Gelli ai tempi della P2, Gabriel Garko va in giro spostando quintali di plastica solida, Madalina Ghenea veste vestiti da favolo su un fisco mozzafiato, e l’unica ancora una volta a farsi notare veramente per la bravura è Virginia Raffaele che imita Donatella Versace e manda tutti in delirio. Speriamo il prossimo anno sia lei a condurre.

Oggi è un altro giorno

Stasera guarderò Sanremo, ma con calma e relax, non voglio consumarmi perchè stanotte inizia l’NBA All Star Weekend. Però c’è Elisa e non voglio perderla, quindi buona visione!

P.S. Volevo dire a Luigi che ho vinto io, e a Vittorio che se non vuole leggermi può seguire il consiglio di Talla quando non regge più, cioè “Ieu vaiu e mi curcu”.

 

Festival di Sanremo 2016

La seconda puntata del Festival di Sanremo 2016 mi è quasi piaciuta

Ho visto anche la seconda puntata del Festival di Sanremo 2016 e devo dire che quasi quasi mi è piaciuta.  Logicamente immagino non vi siete perduti il mio personale riassunto della prima serata di Sanremo 2016, ed al solito vi consiglio se volete leggere qualcosa di serio di leggere il reportage di Melodicamente.
No, non voglio dire che sia stato un bel festival, ne che sul palco Ariston di Sanremo ci siano stati in gara una serie di artisti degni di nota. Voglio solo dire che c’è stato qualcosa che mi è piaciuto e a breve ve lo dico. Il tempo è poco, quindi sarà breve e diretto, e soprattutto sappiate che lo faccio perchè ieri Luigi di Ziguline è stato contento di leggermi e ha avuto modo di essere aggiornato, quindi glielo devo.

Ezio Bosso lascia tutti a bocca aperta

Inizio parlando del migliore artista della serata, dell’ospite che ha incantato tutti, cioè del Maestro Ezio Bosso, un eccezionale pianista, compositore e direttore d’orchestra che fino a ieri sera era sconosciuto alla maggior parte del popolo italiano e che, grazie al nazional popolare Festival della Canzone Italiana finalmente, finalmente è arrivato agli occhi e alle orecchie di tutti. Sia ben chiara una cosa, il titolo di questo post è praticamente solo per lui.
Non è la sua disabilità a commuovermi e a farmi stare attento, è la sua forza, è la sua arte, è il suo coraggio, è la sua simpatia, in 13 minuti circa di presenza emoziona più e più volte spettatori e telespettatori, e lo fa dal primo attimo in cui chiede a Carlo Conti “cosa ci faccio qui?“. Ma è esattamente dopo un minuto che ci da la prima lezione, ci insegna il valore di un ciao, ci dice che lo fa stare bene e che lo dice all’inizio di ogni concerto, lo fa con una spontaneità unica, cidice che è una parola bellissima.
Da notare che Il Maestro Ezio Bosso ha in 13 minuti risposto alle domande: 1) che motivo ho di non vivere? 2) chi è Allevi? In entrambe la risposta è stata Nessuno.
E’ lui il primo ad emozionarsi, è lui ad dirci che la musica siamo noi ed è una fortuna che condividiamo.  E’ ancora lui che ci ricorda che la cosa più importante che esista è ascoltare.  Il continuo è un misto di simpatia, racconti, semplici gesti, battute, parole sulla bellezza, tutte cose che mi tengono attaccato allo schermo, perchè vederle fare da Ezio Bosso diventano speciali. Poi la lacrima credo sia stata naturale per molti.. Ezio Bosso ha avuto un grande pregio, mi ha fatto scrivere seriamente una parte di questo post. La standing ovation è naturale. Suona e lo fa divinamente. Tutti in piedi. Io mi sono alzato in piedi anche riguardando il video. E sono ancora in piedi. E ricordate che la musica come la vita si può fare solo in un modo: insieme.

Se ancora lo chiamate Canone RAI, come ha detto Matteo G.P. Flora, se volete un motivo per pagarlo, ora lo avete. Se non lo avete visto andate a vederlo su Rai.tv, non ve nepentirete.

Il futuro che ci aspetta dai giovani in gara

In tutta la serata passano diversi giovani, io alcuni me li sono persi proprio. Non che io non fossi li a guardare la TV, ma era come se mi rendessero assente. Comunque quel che ricordo ve lo dico.
Subito entrano in scena una il cui nome l’ho scoperto dopo l’esibizione, Chiara Dello Iacovo, vestita in mix tra Pinocchio e Gianburrasca e incomprensibilmente con del domopak su braccia e mani, probabilmente stava impacchettando del cibo e l’hanno chiamata di corsa per cantare. L’altra è Cecile, il cui brano “N.E.G.R.A.” fa capire che il razzismo quando si passa al sesso non esiste. Io volevo tranquillizzare la cantante, non andrei a letto con una persona di colore, è una cosa che sanno tutti i miei amici, ma non per razzismo, è una questione di gusti, in compenso a me non dia fastidio che sia di colore. Comunque io delle due tifo Cecile, e logicamente vince l’altra.

La seconda sfida è tutta sui nomi, tra uno che si chiama Irama, che dice che voleva nascere senza pensieri, insomma come Gomorra, e l’altro che si chiama Ermal Meta. Io al posto di quest’ultimo avrei scelto come nome d’arte Erma Metal, soprattutto avrei cambiato genere musicale. E forse mestiere. Il secondo vince e comunque dimostra molta più esperienza del primo. Tranne nello scegliere il nome.

Se il futuro è tracciato dai giovani, allora abbiamo una traccia alquanto debole. Aspettiamo gli altri in gara però in questi giorni.

Tra i Big qualcuno si salva

I big in gara non emozionano particolarmente, però alcuni fanno notare cose interessanti, non solo dal punto di vista musicale. Nel mentre che scrivo volevo segnalarvi che Francesco Paolo Salerno, uno stilista che dice di essere based in Los Angeles, cosa che io non riesco veramente a capire cosa cazzo significhi, si dissocia dall’accostamento del suo nome a quello di Deborah Iurato, cantante alla quale nella prima serata aveva fornito i vestiti, dicendo che ha scelto il look sbagliato. Praticamente Francesco Paolo Salerno ha detto di fare dei vestiti di merda. Ma torniamo alla kermesse musicale (almeno una volta al giorno voglio usare la parola kermesse).

La prima cantante tra i big in gara ieri nella seconda serata del Festival di Sanremo 2016 è Dolcenera, la quale conferma due cose, innanzitutto che non mi piacciono le sue canzoni, poi che se hai successo da mezza cessa puoi diventare veramente figa. Il brano per essere Sanremo non è male, ma non attacca.

Anche se non capisco il perchè della standing ovation dopo la sua performance, Patty Pravo mi lascia di stucco più che altro per un dubbio, non ho capito se ormai assomiglia più ad un alieno generico, a Neytiri di Avatar o a Voldemort. Ah, sicuramente lei e Gabriel Garko usano lo stesso specchio. Bello il tributo del pubblico per i suoi 50 anni di carriera. 50 anni di canzoni uguali. Se vince lei io prego affinchè il prossimo anno torni in vita Modugno.

Valerio Scanu con degli improbabili capelli ed un ancora più improbabile vestito si commenta da solo. Sinceramente non so che dire, so solo che se fossero stati Elio e le Storie Tese avrei detto che sono dei burloni. Lui no, era li serio.

Arriva Heidi sul palco, ah no, mi accorgo che è Francesca Michelin. Mi aspettavo qualcosa di coinvolgente da lei, invece è piatta. In tutti i sensi.

Sulla presenza di Alessio Bernabei mi sono chiesto solo una cosa: se sei talmente scemo da essere mandato via dai Dear Jack perché ti ostini a cantare ancora canzoni? Insomma, un minimo di autostima ormai non la ha più nessuno.

Gli Elio e le Storie Tese vestiti in colore Pantone dell’anno 2016 (Rosa Quarzo NdL), non deludono, trollano tutti, al solito hanno dei tecnicismi al di sopra della media e un testo che non vincerà mai. Se vincono vuol dire che Rocco Tanica ha manomesso le votazioni.

Io non so se voi ricordate quei tempi, ma Neffa conferma di non piacermi dai tempi dei Messaggeri della Dopa. Per me è inutile, magari a voi piace, ma spiegatemi il perché.

Non ricordo che cosa abbia cantato Annalisa sul palco, ma dai commenti ho sentito che potrebbe vincere. Di solito al Festival di Sanremo vincono cose che non dovrebbero vincere ma che tutti dicono che debbano vincere.

L’ultima esibizione è l’esatta valutazione media del valore dei Big in gara: Zero Assoluto. Senza il turuturututtu ho stentato a riconoscerli, però mi sono chiesto perchè uno sembra il padre dell’altro.

Gli ospiti e l’imbarazzo

La presenza degli ospiti, a parte il sopra citato Ezio Bosso, è praticamente un imbarazzo continuo. La prima cosa che capisco, che su Twitter mi  ha fatto diventare amicone con Claudio Lippi, è che se sei sotto contratto con la Sony sei sicuro un ospite di Sanremo.  La conferma è che dopo Elton John e Laura Pausini, l’ospite cantante della serata è Eros Ramazzotti, ma su questo ci torno tra poco.

Le primi ospiti sono le Salut Salon, in pratica il circo degli archi, quattro donne che con due violini, un violoncello ed un pianoforte fanno spettacolo circense divertendo anche. Ci sono 4 presentatori a Sanremo, ma loro arrivano e fanno tutto da sole. Tra l’altro nelle varie contorsioni e scene di sesso softcore mi sarei aspettato, come ha detto qualcuno, anche una che suonasse il flauto con la vagina. Resterò deluso.

Eros Ramazzotti dopo 30 anni di carriera mi fa ancora domandare se ha problemi di adenoidi, di sinusite o di entrambi. Sia chiaro non sono un esperto del settore, posso anche sbagliarmi, ma se mi sto sbagliando ditemi che malattia ha. Il top della sua esibizione è quando canta “Più Bella Cosa”, che seppur molti dicono sia dedicata alla musica, in realtù p stata sempre proposta come dedica all’ex moglie Michelle Hunziker, la quale compariva anche nel video musicale. Il bello è che Eros mentre la canta si avvicina alla seconda moglie Marica Pellegrinelli, praticamente dedicandogliela, e lei lo bacia pure. Ora io non sono nessuno per giudicare, ma la moglie si. Vabbè il resto della sua performance ci fa tornare bambini, e subito ringraziare di essere cresciuti.

Su Ellie Goulding ho poco da dire, a me lei piace, sia come cantante che come donna. Più come donna che come cantante. Ma secondo me è stata li senza infamia e senza lode. Mi hanno detto che c’è stato Antonino Cannavacciuolo, se c’è stato davvero io ero in bagno. Infine ho visto solo due minuti di Nino Frassica, ma ho riso tanto.

L’ulteriore imbarazzo è stato quello dell’intervista a Nicole Kidman, nel corso del quale mi sono posto diverse domande, tra le tante: perchè se Nicole Kidman è straniera e Carlo Conti è italiano lei è color cadavere e lui nero? Oppure, perchè Nicole Kidman parla italiano meglio di come Carlo Conti parla inglese? Infine, l’intervista non potevano scriverla prima piuttosto che improvvisare?

Virginia Raffaelee nessun altro conduttore

Ebbene si, io amo Virginia Raffaele, lo ho detto e lo ripeto. Imita Carla Fracci e lo fa divinamente, mi fa ridere tutta la serata. Fa diversi sketch, torna più volta e fa sorridere, a volte sembra esagerare ma è sembre lei quella che sul palco sta a suo agio più di tutti.
Di Gabriel Garko avevo già detto ieri tutto, è la stessa plastica non ancora smaltita, se ne parla il giorno della differenziata porta a porta specifica.
Carlo Conti è un signore, non mi piace ma è un signore, non mi emoziona, ma è li tranquillo e comunque fa passare il suo festival nel sottotono giusto.
Una bella donna invece, inutile, è Madalina Ghenea che neanche vestita da Elsa di Frozen mi emoziona.

In conclusione ieri si oggi no

Alla fine dei conti ieri ho visto il Festival di Sanremo e qualcosa lo ho apprezzato, stasera ho impegni, ma magari me lo raccontati voi domani e io vi dico cosa ho capito leggendo voi. Vi tengo d’occhio su Twitter e su Facebook, state attenti. Intanto stasera su Facebook vi lascio respirare senza aggiornarvi ogni 2 minuti.

Festival di Sanremo 2016

Ho visto la prima puntata del Festival di Sanremo 2016. E no.

Il Festival di Sanremo 2016 è iniziato, e qualsiasi commento viene dopo l’inizio non può che essere qualcosa di tragicomico.

Se volete dare una lettura seria all’evento vi invito a leggere il post di MelodicaMente, dove quest’anno purtroppo manca la rubrica di Ciccio Rigoli che ormai ha una sua Eleganza Sgualcita, se invece volete leggere i miei pensieri della prima serata del Festival di Sanremo 2016, li ho raccolti qua facendo mente locale.

L’inizio della tragedia ed i presentatori

Il tributo iniziale a David Bowie è una bella idea, espressa male e distrutta da Carlo Conti nel momento in cui dice “anche io sono un poco Starman“, che io ho pensato che se questo è vero io sono Darth Vader.

Diciamo che un poco come la recita del proprio nipote nell’ultimo giorno di scuola, ed in cui ha una parte di 2 minuti esatti, dopo 5 minuti di trasmissione la speranza è che finisca presto.
Si inizia con piattezza, la stessa con la quale si finisce, qualcuno avrebbe dovuto far mangiare a Carlo Conti un poco di emozione ed allegria.

Mi aspetto che l’arrivo di Madalina Ghenea riscaldi la serata, anche perchè me la ricordavo bona, arriva invece al suo posto l’Uomo Tigre. Lei per non strafare dice che spera che il padre non si addormenti e mantiene la piattezza di Conti, giusto perchè di peggio non poteva fare.

Madalania Ghenea è l'Uomo Tigre al Festival di Sanremo 2016

Madalania Ghenea è l’Uomo Tigre al Festival di Sanremo 2016

Tornerà in seguito a dire in diverse lingue delle frasi probabilmente imparate a memoria. Almeno è vestita meglio.

Nel leggere le presentazioni Gabriel Garko sembra mia nonna quando non vede niente, stringe persino gli occhi. Che non sapesse recitare lo sapevo, che avessi anche problemi a leggere speravo di no. Nel frattempo diverti utenti su twitter e facebook fanno notare la sua somiglianza con un personaggio di Indovina Chi?.

Su Virginia Raffaele non riesco a dire niente, imita Sabrina Ferilli, non è la stessa, ma a me lei piace, è ironica, sexy, simpatica ed è realmente l’unica tra i presentatori che regge il palco con una semplicità disarmante.

I Big in gara (ovvero come sperare invano)

Noemi, stimabilissima per i colori arcobaleno al microfono, entra con un buco in petto, solo sulla sua frase finale “Stai senza pensier”, citando Gomorra e/o i The Jackal, capisco che in realtà era un riferimento ad una sparatoria a pallettoni.

I Dear Jack portano uno colorato come Carlo Conti, per non sfigurare. Senza arte ne parte Fanno andare avanti la kermesse (questo è il momento in cu volevo usare il termine kermesse.

Scopro che I Negramaro HA scritto un brano per Giovanni Caccamo e Deborah Iurato, magari questi vincono il Festival di Sanremo 2016 per una serie di cose, sono un duetto, hanno una canzone scritta da Giuliano Sangiorgi, non ricordo nemmeno una nota nè una parola del brano.

Gli Stadio vengono annunciati come una band dai pezzi rock trascinanti, io ancora mi sto chiedendo quali siano. Per carità, 30 anni mi piacevano un sacco gli Stadio, ma rock? Ma soprattutto trascinanti? Suvvia, alla fine hanno avuto successo sempre grazie a ballate pop. E infatti.

All’ingresso di Arisa ho avuto un solo pensiero:”Arisa come cazzo si è vestita!“, da li in poi ho avuto cinque minuti di frastorno, come quanto ti esplode del C4 a 2 metri di distanza in Call of Duty. Quando mi sono ripreso aveva già finito l’esibizione. Nel frattempo  Mario, Ugo e Nicola mi fanno percepire che loro una bottarella la darebbero anche ad Arisa, io piuttosto me lo taglio e glielo lancio al cane di Call Of Duty Ghosts. Volevo scrivere altro, ma ripensandola ho avuto altri cinque minuti di confusione, per cui smettiamo di pensarci tutti insieme. Oooom.

Arisa come cazzo si è vestita

Arisa come cazzo si è vestita

Quando è il momento di Ruggeri il commento vero arriva da mio cugino Michele, che dice: “Enrico Ruggeri è come te, non si è accorto di essere vecchio“. Quello che lui non capisce è che però Ruggeri è ricco, mentre io sono povero e pazzo. Più povero che pazzo. In tutto ciò devo dire che voglio riascoltare il brano perchè forse c’è qualcosa di buono.

Per i Morgan e i Bluvertigo i problemi sono tanti e non sono di droga. Morgan suona praticamente tre quarti di brano con il basso non amplificato, il restante quarto non lo suona proprio perchè lo lancia addosso ad un tecnico del suono. Il primo pensiero che mi era venuto è che i Bluvertigo avevano deciso di eliminare il basso dato che la voce di Morgan era assente. Il brano è anche interessante, ma vorrei ascoltarlo suonato e cantato per bene.

Rocco Hunt copia da chiunque, cita l’impossibile, ma nonostante tutto mi è piaciuto. Ha svegliato un attimo il Festival di Sanremo 2016, secondo me lo eliminano subito perché è fuori dallo spirito di gruppo del festival.

Ultima a presentare la canzone tra i Big è Irene Fornaciari che risolve il mistero di chi ha rubato il collo a Maurizio Costanzo. Non mi è mai piaciuta, non mi piace, non mi piacerà mai probabilmente.

Gli Ospiti che sembrano Dei al Festival di Sanremo 2016

Con pochi problemi se sei ospite al Festival di Sanremo riesci a diventare un Dio. Sarà per l’ampio spazio che hai, sarà perchè i big in gara hanno presentato brani banali, sarà perchè poi una stsar lo sei davvero, fatto sta che Laura Pausini ha portata una felice tristezza al Festival di Sanremo 2016, che ad un certo punto ho pensato che mancava solo Marco Masini e avremmo fatto 13. Sia chiaro, ha fatto uno spettacolo degno di nota, ha anche dimostrato che se sei un cesso non diventerai mai una regina di bellezza ma che con i soldi ti aggiusti tanto, ha evidenziato il fatto che quando canta è sicura e non sembra scema come quando parla, nè fa sentire il suo accento. E ha parlato, con onore, dei diritti omosessuali. E’ stata giunonica.

Elton John che lo si voglia o meno è davvero nell’olimpo dei cantanti, lui una parte di storia della musica l’ha scritta davvero, può piacere o meno, ma è un dato di fatto. Arriva con una giacca che faceva preuspporre a Don Antonio Polese, il boss delle torte, come ospite speciale, ed invece niente pono pomellato. Lui non fa propaganda omosessuale, non parla di diritti gay, non parla di utero in affitto, contrariamente a quanto dice Salvini e a quanto molti hanno condiviso. Suona, dice cose giuste, ci fa scoprire che gli piacciono i fiori (un poco come nel quiz che si faceva ai tempi della leva militare) e se ne va.

Aldo, Giovanni e Giacomo ci fanno tornare a 25 anni fa, anche perchè loro sono rimasti la. Stesso sketch da 25 anni, ormai ha smesso di far ridere da 20, penso che almeno per na occasione del genere qualcosa di nuovo avrebbero dovuto proporla. Mi piacciono sempre loro, però dategli qualche suggerimento.

C’è stato anche un tale Maitre Grims, io non sapevo chi fosse e non lo so tutt’ora. A quel punto ho aperto NBA Live 16 per provarlo.

Alla fine della fiera ma che è?

Tutto sommato è stata una serata piacevole, grazie a Twitter, grazie a Facebook, grazie alle persone con cui si  interloquito sui social network. Poteva andare peggio, poteva essere il festival della canzone dell’ISIS.

 

Io ho Sky HD. Voi solo la TV HD?

 

Di Sky ho parlato diverse volte in questo blog,  ne parlai descrivendo la fantastica esperienza vissuta con il Decoder  di My SKY HD , ne riparlai descrivendo l'esperienza di mio padre con gli eventi sportivi e quella di mia madre con le serie tv, oggi voglio parlare dell'Alta Definizione.

Si parla di ciò che vedete ultimamente negli spot televisivi,  cioè che senso ha avere un televisore HD se poi non si usufruisce di tramsissioni e programmi in qualità HD? Presto detto, Nessuno! Entra qui in gioco Sky HD, il primo vero servizio in Italia ad offrire in TV l'alta definizione, così dallo sport alla fiction, dal calcio al cinema non ci sarà più bisogno di blu-ray o altre apparecchiature in casa.

Ed è realmente vero che guardare uno schermo che offre il massimo della definizione cambia la propria esperienza visiva, immaginate una partita di Champions League dove un millimetrico fuorigioco o il classico fallo al limite dell'area vi ha lasciato il dubbio, beh non esisterà più perchè avrete la chiarezza del'immagine e saprete precisamente cosa è accaduto. Poi vi ricordo che potrete sempre rivedere l'azione quante volte volete con My Sky!

Io a casa ieri notte, ma continuerò per tutto il weekend, ho goduto nel vedere la partita tra Rooki e Sophomore all'All Star Weekend, dopo tanti anni che non guardavo in TV un All Star Game della NBA, tra lo Slam Dunk Contest ed il 3-Point Shootout di  stanotte e la partita di domani credo che mi divertirò proprio. 

Il tutto non finisce qui, la prossima cosa che attenderò sarà la notte degli Oscar, naturalmente anche essa tramessa in HD su Sky e con tutto il contorno ed il rispetto che merita.

Se non vi ho convinto penso proprio che non abbiate nemmeno la minima idea della differenza tra l'uso di una TV HD in modo completo ed il fatto di avere una Televisione HD tanto per averla.

Vi ho convinto?

Articolo sponsorizzato

Mi dissocio dalla Ventura, da Masi e dai servi del regime

Ricorderete tutti che qualche settimana fa Mauro Masi, Direttore Generale della RAI, telefonò in diretta a Michele Santoro nel corso della trasmissione Annozero per dissociarsi dalla stessa. Ieri è successo l’opposto, il suddetto tizio ha telefonato a Simona Ventura ne corso della tramissione “L’Isola dei Famosi” per non dissociarsi dal programma che a differenza di altri rispetta pienamente le regole aziendali.

Nel vedere la reazione di Simona Ventura (vera? finta?), nell’ascoltare le parole di Mauro Masi (Spiritoso? Provocatorio?), nel sapere chi c’è all’Isola dei Famosi (Raffaella Fico? Altre Papi-Girls?), Io mi dissocio da tutto ciò, mi dissocio da un servizio che dovrebbe essere pubblico e fa invece propaganda, mi dissocio da questi servi del regime.

P.S. ma Masi dice TeleAspettatori?

Update: Non avevo visto la parte della Papi Girl dedicata alla Fico, come si chiama tale operazione? Vi lascio anche questo video.

Il Web incontra i game show TV in Social King

in futuro ognuno nel mondo avrà 15 minuti di fama“, lo aveva detto Andy Warhol ed il web 2.0 lo sta realizzando, arrivà così da Rai2 il primo game show interattivo Italiano.

Social King

Si chiama Social King, il gioco interattivo ideato da Andrea Materia e Michele Bertocchi e ogni weekend, dal 12 Febbraio al 3 Luglio, vedremo le sfide sul secondo canale RAI suddivise in due giorni, il primo giorno con la diretta TV e On line, il secondo giorno con la puntata offline, entrambe presentate da Metis di MeoLivio Beshir. Le puntate saranno poi ritrasmesse con contenuti extra e curiosità su Rai Gulp nel corso di Social King Replay.

Le modalità di gioco sono abbastanza semplici, nella puntata on line due squadre, ognuna composta da tre giocatori, si sfideranno in diverse prove tramite strumenti tipici del web e di internet, cercando informazioni ed immagini nel più breve tempo possibile, rispondendo quiz sui temi hot della settimana web, fino a “battaglie” nei giochi online tramite browser game proprietari dello stesso Social King.

Innovativa è anche la possibilità di partecipazione del Il pubblico, grazie all’interazione on line in tempo reale con gli strumenti offerti dai social network, da Facebook a YouTube, da MySpace a Twitter, caratteristica che può essere utile per influenzare l’esito delle varie prove.

Infine toccherà al social challenge finale eleggere il Social King, o la Social Queen, della puntata, che successivamente parteciperà alle fasi finali nelle ultime puntate, in cui si svolgerà una sfida tra tutti i vincitori che decreterà l’Absolute King.

Partecipare è facile, basta essere una celebrità del web, autocandidarsi e partecipare al casting online su uno dei tanti social network dove Social King è presente, dal sito ufficiale (www.socialking.rai.it) alla pagina facebook (www.facebook.com/socialkingrai), dal canale youtube (www.youtube.com/socialkingrai) alla pagina twitter (twitter.com/social_king).

Beh, anche se oggi non abbiamo più il padre della pop art e lo stesso moto è usato in maniera dai Finley,il gioco è nuovo, io una Web Celebrity lo sono (:P), quasi quasi ci provo e partecipo a Social King. E Voi?

Articolo sponsorizzato

Silvio Berlusconi è innocente. A Prescindere

La realtà è una cosa brutta, specie quando ti accorgi che la realtà non è la verità.

Accadde così ieri che la legge sul Legittimo Impedimento venne in parte bocciata dalla Consulta.
Nello stesso momento partì un attacco mediatico sottile ma d’effetto.

Alla fine dei conti anche voi apprenderete che Silvio Berlusconi è Innocente, al di la di tutto, prima di tutto, oltre tutto.

Per capire ciò vi racconto la storia in semplici passi di alcune azioni e delle reazioni di mio zio:

  • fatto numero uno: il legittimo impedimento viene bocciato, reazione di mio zio: “i magistrati sono di sinistri, corrotti, comunisti, policitizzati“;
  • fatto numero due: il Premier viene indagato per il caso Ruby, reazione di mio zio: “e a te chi ha detto che è vero quello che dicono? Sono tutte invenzioni.“;
  • fatto numero tre: i giornali passano la notizia che esistono video, foto e registrazioni audio delle giornate di Ruby a casa di Silvio Berlusconi, reazione di mio zio: “beato lui, se potevo io facevo lo stesso“.
  • fatto numero quattro: spiego a mio zio che comunque lui a differenza del Presidente del Consiglio dei Ministri non ricopre alcun ruolo chiave per il governo e non è indagata, reazione di mio zio: “ma lo indagano i comunisti, lo processeranno in futuro, è solo invidia“.

Tutti questi tre fatti sono di oggi, ma è sempre così, il nostro caro Premier Silvio Berlusconi è sempre giustificato, ha sempre ragione, è sempre innocente. Se almeno si facesse processare…