//Removed by EUCookieLaw window.___gcfg = {lang: 'it'}; (function() {var po = document.createElement("script"); po.type = "text/javascript"; po.async = true;po.src = "https://apis.google.com/js/plusone.js"; var s = document.getElementsByTagName("script")[0]; s.parentNode.insertBefore(po, s); })();

Informativa sui Cookie

Ti stai perdendo (non) me

martedì, 25 agosto 2015, 22:23 | Category : Me, nonsense, Pensieri
Tags : , , , ,

Tramonto e Io

E’ che tu che stai di la non ti stai perdendo me. Quello sarebbe il minimo, forse sarebbe anche niente.

E’ che ti stai perdendo i tramonti, ti stai perdendo i sorrisi,
ti stai perdendo le risate, ti stai perdendo le birre, ti stai perdendo le parole,
ti stai perdendo gli amici, ti stai perdendo le persone che passano e poi vanno via,
ti stai perdendo.

E soprattutto li stai perdendo senza me. Che potrebbe essere tutto.

E nemmeno lo sai.

Aggiungere i Custom Post Types nella Home Page di WordPress

lunedì, 11 maggio 2015, 16:28 | Category : Programmazione
Tags : ,

Sviluppando progetti su WordPress capita sempre più spesso di creare dei custom post type, cui purtroppo o per fortuna, nella fase di registrazione non vengono inseriti nella Main Query del CMS, quindi per visualizzarli nella Home Page o negli Archivi e necessario aggiungere alcune righe di codice PHP.

Fare ciò è comunque abbastanza semplice, basta manipolare la Main Query di WordPress utilizzando l’action hook pre_get_posts e ottenre così il risultato desiderato. Per realizzarla è quindi necessario impostare la query da eseguire inserendo i tipi di post che si vogliono visualizzare automaticamente.

Ad esempio se vogliamo visualizzare nella home page di WordPress, oltre ai classici post anche le pagine ed un custom post type di tipo gallery basterà verificare tramite is_home che la pagina visualizzata sia appunto l’home page e successivamente tramite $query->set impostare i post_type da selezionare.

Ecco un semplice esempio

// Mostriamo gli articoli (post), pagine (page) ed i custom post type gallery (gallery) nella home page

// Intercettiamo l'hook pre_get_posts per chiamare la nostra funzione add_page_and_gallery_to_query
add_action( 'pre_get_posts', 'add_page_and_gallery_to_query' );

// Controlliamo di essere sulla home e modifichiamo la query aggiungendo page e gallery
function add_page_and_gallery_to_query( $query ) {
  if ( is_home() && $query->is_main_query() )
    $query->set( 'post_type', array( 'post', 'page', 'movie' ) );
  return $query;
}

 

Fatto ciò è tutto pronto, buon coding!

10 motivi per non acquistare Desigual

mercoledì, 25 marzo 2015, 16:06 | Category : Moda
Tags : , ,

Nell’arco degli ultimi due mesi mi sono imbattuto in diverse vicissitudini che hanno visto protagonista me ed il marchio Desigual, la ormai ben nota azienda di abbigliamento spagnola che tanto piace ai giovani di oggi grazie anche alle produzioni estrose che realizza (io non rientro nei giovani sia chiaro, ma in quelli a cui piacciono le cose strane), che alla fine mi hanno spinto ad elaborare questa lista in cui sono elencati 10 motivi per non acquistare più da Desigual.
No Desigual

  1. La disponibilità dei prodotti sul sito Desigual non è corretta.
    Nonostante sul sito Desigual i prodotti risultino presenti, è probabile che invece gli stessi siano terminati, quindi si arriva a portare a termine l’ordine come se tutto fosse andato a buon fine. Viceversa se si fa il controllo di disponibilità della merce nei negozi è possibile che venga segnalata l’assenza della merce mentre invece l’articolo è presente nei punti vendita.
    A me entrambe le cose sono capitate con un ordine del mese di Dicembre 2014, ho ordinato una borsa che risultava disponibile, solo dopo un mese mi è stato segnalato che invece non era disponibile a magazzino, inoltre verificando, il mese successivo, se fosse presente in alcuni store fisici, la stessa borsa risultava non disponibile, però il giorno stesso l’ho vista esposta nel punto vendita.
  2. Desigual annulla gli ordini on line senza comunicarlo.
    Se fate un ordine online sul sito Desigual è possibile che vi venga annullato (e rimborsato) senza alcuna comunicazione. Infatti a me l’unica comunicazione arrivata, per la suddetta borsa, è stata l’email di PayPal che mi comunicava il rimborso della cifra spesa. Probabilmente se avessi pagato con carta di credito ancora non me ne sarei accorto.
  3. Desigual ha prezzi alti.
    Il prezzi dei prodotti Desigual sono mediamente alti, la qualità del prodotto non giustificata assolutamente i costi.
  4. La qualità dei capi Desigual è bassa.
    La qualità dei vestiti, delle magliette, e dei prodotti Desigual in generale è abbastanza bassa, per alcuni tra le peggiori, motivo per cui i prezzi non sono assolutamente giustificati.
  5. Desigual non è così originale come comunemente si crede.
    Visti i due punti successivi molti si chiederanno perchè allora avrei voluto acquistare, ed ho già acquistato, abbigliamento del marchio Desigual. Perchè, a parte le idee spesso estrose, ho sempre pensato che i capi del marchio spagnolo fossero molto originali, salvo poi scoprire che l’azienda è stata già coinvolta in alcuni casi di violazione del diritto d’autore e di copia sistematica di opere altrui. Un caso emblemativo fu già nel 2008, quando Dolores Promesas denunciò Desigual per la creazione di una maglietta identica ad una propria creazione, mentre successivamente anche Custo Barcelona ebbe un contenzioso con Desigual. Insomma non proprio il massimo dell’etica.
  6. Le Spese di Spedizione si pagano sempre.
    Diversamente da tante altre realtà online, nell’e-commerce Desigual si pagano sempre le spese di spedizione, sia se spendete 10 euro che se ne spendete 1.000.
  7. Spese di Reso.
    Ancora peggio, contrariamente a quella che ormai è la comune pressi, per i resi dei prodotti Desigual applica un costo a vostro carico, facendovi così pagare un servizio a cui diversi altri store online ci hanno abituato.
  8. L’Assistenza On Line funziona male.
    Il marchio spagnolo ha un servizio di assistenza su Facebook, che si chiama Desigual SOS, ma che purtroppo funziona male, non è possibile dare seguito ai ticket rispondendo poichè l’applicazione non funziona proprio.
  9. I prodotti Desigual non vengono controllati prima delle spedizioni.
    Prima degli ordini evidentemente Desigual non controlla che la merce sia in buono stato, infatti in uno degli ordini da me effettuato ho ricevuto un paio di jeans senza un bottone.
  10. Desigual ti prende in giro.
    Ad ogni cosa che è andata male il team di Desigual SOS mi ha sempre risposto qualcosa del tipo “fai un altro acquito ed al prossimo acquisto avrai X omaggio”, dove X una volta erano le spese di spedizione, una volta uno sconto irrisorio, una volta addirittura i bottoni dei pantaloni da attaccare io. Insomma ti prendono per il culo, ti trollano, secondo me si divertono anche. Oltre il danno la beffa.

 

 

 

Un grande passo per questo blog, un piccolo passo per l’umanità

giovedì, 5 febbraio 2015, 17:15 | Category : Internet, Me, SEO
Tags : , , , ,

Questo blog è ancora vivo, lo ho decretato qualche giorno fa in un post, ed ecco il primo passo per andare avanti.  Il mio blog secondario, quello serio, in cui scrivevo soprattutto contenuti di SEO, corrispondente al vecchio indirizzo www.giuseppeguerrasio.it, è stato importato in questo blog, ed è stato impostato il redirect dal suddetto defunto blog verso questo blog.

 

il vecchio www.giuseppeguerrasio.it

il vecchio www.giuseppeguerrasio.it

Il tutto non è stato solo fatto in ottica SEO, nonostante quanto io tenga alla Search Engine Optimization, probabilmente avrei preferito tenere staccate le cose, Giuseppe Guerrasio si presentava come un sito ordinato e curato, The Brain Machine si presenta come un sito caotico, ma proprio nell’idea di diminuire questo caos e quindi non avere troppe cose cui far fronte e disperdere le energie inutilmente ecco qua la soluzione.

Intanto attendo ancora consigli su un bel template WordPress da utilizzare in questo sito, prima o poi arriverà qualche buon consiglio spero, intanto vado avanti.

Vivo, Morto o Y?

lunedì, 2 febbraio 2015, 13:31 | Category : Me, Senza Categoria
Tags : , , ,

E’ da qualche giorno che mi è tornata la voglia di far vivere questo blog, un blog che ormai è praticamente morto. Dico morto e non agonizzante per il fatto che non è proprio praticamente più curato in alcun aspetto, tantomeno ha una linea editoriale, o meglio non l’ha mai avuta, nato come contenitore di pensieri personali, divenuto poi repository di gallery di belle donne e calendari, per passare poi ad un punto di divulgazione di notizie tecnologiche, insomma un calderone.

Pensavo di volerlo fare rivivere senza motivo, e senza motivo vivrà, senza linea editoriale, perchè diventerà nuovamente il posto dove appuntare le cose che mi passano per la testa, le idee, le soluzioni, le foto, e via dicendo. Sarà ancora un calderone.

Però per tornare dagli inferi vi è sempre necessità di una nuova luce, di un nuovo aspetto, serve quindi una grafica nuova. Partiamo da questo punto.
Consigli per un tema di WordPress che possa stare bene qua?

L’evoluzione del marketing nel mondo delle scommesse online in Italia

lunedì, 10 novembre 2014, 18:38 | Category : Web Marketing
Tags : ,

Il mondo delle scommesse è cambiato a un ritmo vertiginoso nel nostro paese. Negli ultimi anni si sono aperte possibilità enormi per gli operatori di questo settore, che hanno avuto improvvisamente accesso a un mercato ricettivo e fertile come quello italiano. In particolare, negli ultimi 3 anni abbiamo assistito al boom del gioco d’azzardo online legale, che ha trasformato completamente l’approccio degli operatori del settore nel nostro paese. Vediamo in che modo si è evoluto il loro approccio al marketing e alla promozione.

Il percorso di legalizzazione del gioco nel nostro paese è stato accidentato e si è svolto in diverse tappe. Prima, nel 2008, sono diventate legali le poker room online. Poi, nell’estate del 2011, è stata la volta dei giochi da tavolo online, e quindi, a fine 2012, delle slot. Gli operatori si sono di volta in volta dovuti adattare alle nuove possibilità e alle nuove restrizioni, con soluzioni a volte geniali.

La legalizzazione del 2011, in particolare, ha finalmente permesso l’apertura di casinò online italiani, che da allora hanno anche potuto cominciare a promuoversi sui media tradizionali, oltre che su internet. Nelle nostre tv, alla radio, sui giornali e negli spazi pubblicitari delle nostre strade sono comparse pubblicità di siti di gioco. Inoltre, gli operatori hanno iniziato a sponsorizzare eventi sportivi, squadre di calcio, di Formula 1 e via dicendo. Insomma, dal momento della legalizzazione l’industria del gioco online ha promosso campagne di promozione simili a quelle di qualunque altra attività commerciale.

Ovviamente, però, tali campagne dovevano riuscire a colpire il target dei siti di gioco, che è composto in gran parte da giocatori giovani, che normalmente utilizzano la tecnologia per divertirsi.
Ecco perché i siti di gioco hanno puntato molto sull’ironia, come si può vedere nel divertente spot tv di Titanbet.it Casino. Questo divertente spot, che è andato in onda sulla televisione italiana, prende in giro le molte superstizioni per cui gli italiani sono famosi. Potete vedere un video di questa pubblicità su Youtube.com.

Particolarmente interessante è stato il tipo di marketing messo in campo dagli operatori prima della legalizzazione delle slot online a pagamento. Alcuni infatti a scopo promozionale hanno cominciato a offrire sui loro siti delle slot gratuite, per fare familiarizzare gli utenti con l’assortimento dei giochi e creare attesa verso il momento della legalizzazione.

Trattandosi di attività su internet, ovviamente gli operatori non potevano trascurare i particolari canali di comunicazione con il pubblico che il web offre. In particolare, i social network. Secondo alcune ricerche, sono ormai milioni gli italiani che utilizzano i social network come principale canale di informazione quotidiano, e si tratta in particolare di giovani. La legalizzazione del gioco in italia ha coinciso con l’esplosione dell’uso dei social network, in particolare di Facebook e, Instagram, e quindi la promozione attraverso questi canali è stato un passaggio obbligato per gli operatori, che hanno ideato speciali offerte e campagne per i loro follower.

L’evoluzione del marketing degli operatori del gioco in Italia è certamente un esempio interessante di sviluppo di un’attività promozionale in un mercato nuovo e attraverso mezzi sia tradizionali che di nuova uscita.

//Removed by EUCookieLaw if(typeof(jQuery)=="function"){(function($){$.fn.fitVids=function(){}})(jQuery)};jwplayer('jwplayer-0').setup({"height":350,"width":500,"ga":{},"repeat":true,"primary":"html5","advertising":{"client":"googima","tag":"http://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-video-pub-4602354303508799&ad_type=video&description_url=http%3A%2F%2Fthebrainmachine.org"},"sharing":{},"aspectratio":null,"image":"http://i.ytimg.com/vi/Lq6n5-0OV7o/0.jpg","file":"https://www.youtube.com/watch?v=Lq6n5-0OV7o&index=6&list=PLGKs3jYqPGZMGh_MhgSwb0FzVdkNhE3Pk"});

Come disattivare l’avvio automatico dei video in Facebook

martedì, 16 settembre 2014, 21:34 | Category : Social NetWork
Tags : , , , ,

Da qualche tempo Facebook ha introdotto l’avvio dei video nello stream in automatico, trasformando così lo stream in una specie di TV Zapping, caratteristica che non a tutti è stata simpatica, sia perchè distrae da altri contenuti, sia perchè occupa banda inutilmente. Forse non tutti gli utilizzatori del noto social network, io per primo, sanno che comunque da quasi subito Facebook stessa da la possibilità agli utenti di disattivare questa funzionalità, cosa che ho realmente scoperto pochi giorni fa e che voglio appuntare qua per non dimenticarla. Ecco in pochi passaggi come è possibile disattivare l’avvio dei automatico dei video in Facebook.

Innanzitutto dovete andare nelle impostazioni di Facebook, mediante l’icona a forma di freccia che punta verso il basso (nell’immagine seguente è segnato con il numero 1) e cliccare quindi sulla voce “Impostazioni” (nell’immagine seguente è segnato con il numero 2).

Menu Impostazioni di Facebook

Menu Impostazioni di Facebook

A questo punto vi trovate nel menu delle impostazioni, dovete quindi cliccare sul link “Video” (nell’immagine seguente è segnato con il numero 3) ed alla voce “Riproduzione automatica dei video” selezionare “Disattiva” (nell’immagine seguente è segnato con il numero 4).

Menu Video nelle Impostazioni di Facebook

Menu Video nelle Impostazioni di Facebook

A questo punto è tutto fatto e non avrete nemmeno bisogno di salvare, sarà subita attiva la modifica e non dovrete più preoccuparvi dei video di Facebook che si avviano in automatico.

iPhone è il miglior slogan di sempre su iPhone

martedì, 9 settembre 2014, 23:05 | Category : Telefonia, Umorismo
Tags : , ,

iPhone era solo l’inizio (o la reinvenzione del telefono)
iPhone 3G era due volte più veloce di iPhone (o il primo a battere iPhone)
iPhone 3Gs era il più veloce e potente iPhone di sempre.
iPhone 4 era il miglior iPhone di sempre.
iPhone 4s era il più incredibile iPhone di sempre.
iPhone 5 era il più grande evento nella storia di iPhone dopo il primo
iPhone 5c era pieno di colori. (?_?)
iPhone 5s era quello che ti faceva più potente di quanto tu pensassi.
iPhone 6 era fino ad oggi il miglior iPhone mai fatto, oggi è soltanto molto più che grande. Sarà che hanno finito gli slogan per stupidi?

9 - 9 - 2014  Evento Apple iPhone 6

Un Addio non detto

giovedì, 4 settembre 2014, 12:56 | Category : Amici, Me, Pensieri
Tags : , , ,

Non so quante, tante, volte ho sentito dire “oh Lobotomia”.
Non so quante, tante, volte ho sentito dire “sono 5 gettoni” nel momento in cui cambiavo mille lire per giocare ai Coin-Op.
Non so quante, tante volte, ti arrabbiavi perchè dovevi andare a sistemare i birilli per guasti di vario genere.
Non so quante, tante volte, ho dovuto combattere per decidere qualcosa con te.
Non so quante, tante volte, mi hai cazziato giocando a calcetto, perché ero scarso.

Ma sicuramente ricordo la prima volta che quel slipgt diventò Lobotomia.
Ricordo la prima volta che giocai ad un video gioco da sala giochi.
Ricordo la prima volta che vidi una pista da bowling.
Ricordo la prima volta che mangiai un panino “americano”.
Ricordo la prima volta che vidi un modem, la prima volta che ebbi una connessione ad internet.

Probabilmente se oggi sono quel che sono è anche in parte anche merito tuo.
Avrei voluto salutarti un’ultima volta e vedere quel sorriso di cazzo che facevi.

Ciao Rocco, ci vediamo di la.

Quag migliora ancora, ecco le novità

Ho parlato già due volte di Quag, la prima volta quando presentai il nuovo social search engine, la seconda volta quando furono introdotte le prime novità e le API per sviluppatori, parlando in entrambi i casi in modo postivo di un progetto che mi ha colpito positivamente sin dall’inizio. Oggi ancora una volta voglio scrivere di Quag, e come suol dirsi non c’è due senza tre, perchè nuovamente Quag introduce delle novità nella propria piattaforma e nuovamente lo fa nel migliore dei modi.

E’ qualche giorno fa l’annuncio di nuove features del progetto che ormai sta diventando una realtà nel panorama delle startup italiane, diamo un’occhiata insieme a quelle che sono le più importanti nuove caratteristiche di Quag.

Quag - Logo

Quag – Logo

Quel che io preferisco dell’ultimo aggiornamento è una di quelle cose che non si vede,  il miglioramento dello SBIG, l’algoritmo nativo, nonchè cuore di Quag. E stata aumentata l’efficacia e migliorata la capacità di mettere in relazione gli utenti che condividono gli stessi interessi, non solo, come già prima, verranno messi in relazione i termini uguali, ma ci sarà anche associazione di concetti diversi ma correlati, così la ricerca del termine “lavoro” metterà in relazione le persone che la ricercano anche con gli utenti che cercano “diritto del lavoro”.

La nuova veste grafica minimale mi piace anche tanto, è leggera ed essenziale, ma nonostante ciò contiene ancora, e meglio di prima, le informazioni necessarie all’utilizzo del sito.

Tendenza contraria invece per ciò che riguarda i contenuti e non la struttura, adesso sono finalmente disponibili funzionalità che permettono di esaltare i contenuti multimediali, potendo così creare domande più efficaci e coinvolgenti, arricchendolo di contenuto diverso dal semplice testo.

Queste sono solo alcune delle novità introdotte in Quag, quelle che io preferisco, ma non sono da dimenticare le altre, come ad esempio l’add-on aggiornato che ora funziona oltre che su Google anche su Amazon, iStella e Bing., o la pubblicazione immediata delle domande, senza la necessità di effettuare prima delle ricerche, o ancora i nuovi commenti, migliorati e che permettono ora diverse repliche.

Ancora una volta sembra che Quag stia percorrendo la strada nel modo giusto, io ancora una volta vi dico di provarlo, non ve ne pentirete.