Quag: dalla SERP alle Q&A il search engine diventa social

Quando viene presentato un nuovo servizio accadono sempre due cose, la prima è che ci sono subito i denigratori pronti a parlare male del nuovo, la seconda è che la gente vuole sapere cosa il nuovo prodotto fa. Io qui mi occuperò dei secondi, ai primi ci penserò qualche altra volta.

Logo di Quag

Innovazione Tecnologica e Sociale

Quag è un nuovo servizio, di quelli che potrebbero essere utili per gli utenti. Dico questo perchè penso chiaramente che le domande poste a fondamento del progetto siano quelle giuste e hanno trovato la giusta risposta.
L’italia è uno di quei paesi noti per l’eccellenza in diversi campi, a me piace sempre ricordare la nostra cultura enogastronomica, mi piace ricordarlo per la sua praticità, per tutto quello che vi ruota intorno, perchè non è solo un piacere personale, ma è cultura e storia che si tramanda, è valutazione del proprio territorio, è incremento del turismo, è guadagno economico.

Condivisione è Comunità

Ma soprattutto quello che mi viene in mente è che quando si parla di cibo si associa automaticamente il momento conviviale, la condivisione di un piacere che permette di fare comunità, quel passaggio che permette a molti di essere sociali.
Quindi la prima domanda da porsi è perchè non fare innovazione che non sia solo tecnologica, ma anche sociale? Quag risponde alla domanda risolvendo pienamente il problema, il primo degli obiettivi è proprio quello, portare una ventata di freschezza all’aspetto sociale del web.

Gli interessi comuni, i punti di contatto

Come fare ciò? La risposta a qualcuno è arrivata abbastanza con facilità, esiste una cosa che facciamo tutti su internet, cercare. Basta allora prendere la SERP e renderla social. Ciò non significa dare agli utenti la possibilità di condividere sui social network i propri risultati, piuttosto significa interagire sui risultati e far si che un risultato di una ricerca si arricchisca grazie al contributo degli utenti.
Quag il contributo degli utenti lo richiede in termini di domande, risposte, commenti e segnalazione dell’utilità di queste tre cose. Per realizzare ciò si parte guardando la realtà da un punto di vista diverso, basta già solo pensare alle ricerche in Google, se ci si sofferma attentamente si può capire che anche le ricerche sono contenuti generati dagli utenti (user generated content) e che queste avranno dei punti di contatto tra i diversi utenti che trovano la loro collocazione nelle cronologie, così di colpo si può vedere chiaramente che le ricerche sono un processo collettivo, uno strumento silenzioso di vicinanza e prossimità sociale.

Storie, domande e risposte

Tutto ciò è solo un’altro dei pilastri di Quag, perchè la sua estensione arriva con un altro concetto, quello che la sfera dell’utile è più ampia della sfera del social. In pratica dopo che gli utenti entrano in contatto grazie a storie comuni, ed aver posto domande, dato risposte e commentato, c’è la possibilità di segnalare se una domanda o una risposta siano state utili e così Quag rende social ciò che è utile.

Il tempo è la migliore risposta

Infine l’ultimo pilastro è la componente esterna a Quag, il tempo. Il Social Search Engine cresce ed evolve nel tempo, il tutto automaticamente, e solo il tempo potrà dare la risposta se Quag sarà stato davvero un buon passo. Io credo di si, a voi ora la possibilità di rispondere e magari fatelo in una Quag.

Black Hat SEO: 5 cose da non fare

Per Black Hat SEO si intendono tutte le tecniche illecite, cioè che non seguono norme e linee guida indicate dai motori di ricerca ed inoltre cercano di trarre vantaggio dai limiti dell’HTML e del Web in se, utilizzate in ambito SEO per ottenere dei posizionamenti più alti nella SERP.

In questo articolo elenco 5 cose da non fare in quanto ritenute tecniche di Black Hat SEO dai più importanti motori di ricerca (Google, Bing, Yahoo).

Black Hat SEO - il male del SEM

Black Hat SEO - il male del SEM

 

Link Nascosti o Testo Nascosto

Era una delle tecniche più usate in passato, ormai fortunatamente quasi in disuso. Per realizzarla si applica al colore lo stesso testo dello sfondo in modo così che nel contenuto della pagina il testo o il link non siano visibili.
Una tecnica alternativa utilizzata spesso è quella di inserire i link nascosti tramite JavaScript in modo che non siano riconosciuti come collegamenti esterni bensì come parte del testo.

Doorway Page o Pagine Gateway

Questo punto è fortemente correlato allo Spamdexing, in pratica viene creato appositamente un insieme di pagine web, di scarsa qualità in termini di contenuti, ottimizzate per essere indicizzate su una determinata parola chiave o frase. Normalmente le pagine doorway fanno da gateway verso altre pagine sia in maniera manuale (con dei link) sia in maniera automatica (redirect tramite JavaScript).

Cloacking

Tecnica simile alla precedente, in quanto anche essa fa uso di reindirizzamento, consiste in questa caso però nel visualizzare agli utenti del sito una versione della pagina desiderata diversa da quella presentata ai motore di ricerca. Cloacking sono da esempio le pagine realizzate ad esempio in flash ma che al crawler vengono poi visualizzate come HTML.

Keyword Stuffing

La tecnica in oggetto cerca di aumentare la Keyword Density mediante l’alta ripetizione delle parole chiave con cui si vuole fare indicizzare il contenuto. Per realizzare ciò esistono diversi metodi, anche se non sempre tutti indicano allo stesso modo la Keyword Stuffing, uno può essere quello di scrivere più e più volte la keyword nel testo, un’altra può essere quello di realizzare una pagina contenente in pratica solo la parola chiave e fare il redirect una volta arrivati alla pagina, un’altro ancora può essere quello di avere le keyword ripetute nascoste tramite css, infine un’ultimo metodo può essere quello di riportarli nei metatag anche quando i reali contenuti non sono quelli relativi alle keyword.

Desert Scraping

Tra le più sconosciute, il Desert Scraping consiste nel ricercare, di solito tramite l’Internet Archive o motori di ricerca diversi da quello in cui ci si vuole posizionare, dei testi non più indicizzati o rimossi dall’indice del search engine desiderato. Una volta trovati i contenuti e verificato che non siano presenti si riportano in una nuova pagina, ottenendo così un aumento delle proprie risorse da far indicizzare al motore di ricerca.

Etico è meglio

Naturalmente tutte queste tecniche come già detto sono considerate illegali dalla maggior parte dei motori di ricerca e sono quindi da evitare assolutamente.
Personalmente anni fa in alcuni progetti ho anche sfruttato queste tecniche, alcune delle quali se ben fatte tutt’ora funzionano regolarmente e permettono di ottenere dei vantaggi, ma ne sconsiglio in ogni caso l’uso poichè Google, come Bing, ogni giorno tendono a migliorare i propri algoritmi per offrire i migliori contenuti possibili ai propri utenti.

Alla fine quindi conviene lavorare eticamente e nel modo corretto fin da subito per avere dei buoni risultati ed un buon posizionamento sui motori di ricerca.

 

SEO: La SERP di Google cambia per i Video e favorisce YouTube?

In merito al SEO, la SERP è un argomento da non sottovalutare, si sa, però spesso viene analizzata solo da alcuni punti di vista. Parliamo ora di una novità di Google Video e della SERP di Google Search partendo da lontano.

Un poco di storia di Google Video e YouTube.

E’ di qualche giorno fa la notizia che Google chiuderà il suo servizio di condivisione di video. Google Video, questo è il nome del servizio di Big G nato nel 2005 e che per un periodo fu concorrente di YouTube, almeno fin quando la stessa azienda di Mountain View nel 2006 comprò la società avversaria continuando a mantenerla in vita. Dopo un breve periodo di vita parallela e quasi in concorrenza, nel 2009 Google decise di non permettere più l’upload di filmati su Google Video, mantenendo comunque attiva la possibilità di riprodurli. Possibilità che alla fine di questo mese cesserà di esistere.

Google Video diventa un motore di ricerca dei filmati.

Nel frattempo Google Video si è lentamente trasformato nel motore di ricerca dei video di Google, nel cui database di crawling sono stati piano piano inseritealtre fonti video sia di partner che di concorrenti. Inoltre grazie all’integrazione che Google sta realizzando tra i vari servizi (Google Search, Google Immagini, Google Blog Search, Google News, e così via) per avere una SERP unica, anche Google Video è entrato di diritto nei servizi maggiormente utilizzati dagli utenti.

YouTube va verso la Web TV, ma Google Video Cambia la SERP.

L’attenzione di utenti ed esperti la scorsa settimana si era focalizzata in direzione di Youtube, a seguito dell’investimento di 100 milioni di dollari fatto da Google Inc. ha fatto affinché il suo servizio di condivisione di video possa essere in competizione con le TV classiche ed essere la realtà domani delle Web TV. Proprio per questo motivo la chiusura, almeno per ciò che riguarda la visualizzazione dei video, di Google Video, è stata recepita come la voglia di Google di dare spazio solo a YouTube, ma a conti fatti se oggi guardiamo la SERP di Google Search (o Google Motore di Ricerca se preferite), non sembra proprio essere così.

 

La SERP di Google sulla ricerca di un gruppo musicale (Bullet For My Valentine)

La SERP di Google sulla ricerca di un gruppo musicale (Bullet For My Valentine)

 

La nuova SERP di Google Video, cosa cambia?

La SERP di Google Video  come potete vedere nell’immagine precedente ha qualcosa di nuovo, se cercate un gruppo musicale (al momento solo per ciò che riguarda la musica ho riscontrato tale cosa, mentre ciò non accade per i trailer dei film ad esempio) ad esempio come ho fatto io i Bullet For My Valentine, ma va bene qualsiasi altro, potrete vedere nei risultati dei video in evidenza quelli provenienti da youtube.com e poi una sezione sotto il video Guarda anche su:, seguita da una serie di servizi concorrenti a YouTube che contengono anche lo stesso video, come DailyMotion, Yahoo Video, Vimeo, LastFM e tanti altri.

Tutto ciò potrebbe far pensare a diverse cose, in primis che Google voglia ancora migliorarsi anche se ciò significhi dare maggiore spazio alla concorrenza. In secondo luogo ciò che però risalta è che il primo risultato è sempre quello di YouTube, così come l’immagine associata è quella relativa al video hostato da Big G, e si sa che in genere i primi risultati o quelli affiancati da immagini sono i più cliccati.

Tra l’idea di voler alzare la competizione e quella di voler favorire se stessa, Google per ora ci lascia il dubbio, sicuro è che chi si appoggia su più fronti al momento avrà più possibilità di comparire nella SERP di Google, ma d’altrocanto, varrà la pena utilizzare le proprie risorse SEO in qualcosa diverso da Google e YouTube?

 

aftervote: il motore di ricerca sociale

AfterVote

Ho appena scoperto aftervote, un meta-motore di ricerca, in pieno stile WEB 2.0, con qualche piccola caratteristica “in più”.
Obiettivo di questo servizio è realizzare un motore di ricerca che unendo diversi motori possa dare una risposta basata sulla valutazione sia dei vari motori sia degli utilizzatori del servizio.

aftervote cerca contemporaneamente su Google, Yahoo! e MSN e, oltre a restituire le normali descrizioni date dai motori di ricerca, visualizza dei meta-data come il posizionamento dei vari motori di ricerca, il posizionamento in Alexa, i commenti degli utenti, il Page Rank, e altri interessanti caratteristiche tratte da altri siti 2.0 (Digg, Technorati, StumbleUpon ed altri). In base alle proprie preferenze poi il servizio consiglia sui vari social network e social bookmarks di effettuare dei consigli.

Infine permette di votare un risultato e salvarlo nei propri bookmarks. E’ possibile installare un plugin per il proprio browser per effettuare direttamente le ricerche ed è prevista in futuro la possibilità di creare una propria rete di amici con interessi simili.

L’interfaccia è abbastanza semplice e secondo me gradevole, ed è sicuramente un servizio da provare e osservarne la crescita.

Provatelo e fatemi sapere cosa ne pensate!