I Fan di Luca Napolitano sono dei dementi

Accade che sta per uscire il terzo album di Luca Napolitano e che uno dei forum dei suoi fan decida di spingere nella sua pubblicizzazione.
Accade anche che scrivano:

Il cd di Luca è in agguato…. e le pagine web con i relativi articoli sono sempre di più!!
Come ben sapete, penso che l’opinione pubblica sia la cosa più pilotabile del mondo.. quindi un bel giretto di parole non potrà che farci bene!!

Che dite se commentiamo un po’ qua e là e facciamo un po’ di sana pubblicità a Luca??

Ora,  a parte che il termine agguato è inappropriato ed escludendo il fatto che l’uso dei puntini sospensivi è alquanto osceno, ma si sa che quelli sono gratis, vorrei dirvi cari fan di Luca Napolitano, non vi sentite idioti nel pensare, dire e scrivere il fatto che vogliate pilotare l’opinione pubblica per far vendere il cd di un artista? Non vi vergognate del fatto che senza tale mossa il cd di Luca Napolitano venderebbe pochissimo e che magari il motivo è proprio perchè non vale nulla e le canzoni sue nemmeno??

Cari Fan di Luca Napolitano, devo proprio dirvelo, siete peggio dei fan dei Green Day.

UPDATE 20/09/2010 Ore 13.15: Il Forum di Luca Napolitano è ora protetto da password. 😀

41 thoughts on “I Fan di Luca Napolitano sono dei dementi

  1. fiù says:

    e allora sai che ti dico??? tu che scrivi questo “articolo” non credi di essere di parte??? non credi che magari il demente in questione sei tu e non i fan di luca?? tu pensi di valere più di Luca Napolitano?? l’importante è crederci.
    firmato: UNA FAN DEMENTE DI LUCA (che detto da te è davvero un complimento)

  2. Gabriella says:

    Ora mi dovete spiegare il senso di questo titolo: I Fan di Luca Napolitano sono dei dementi?
    Per la cronaca sono una fan di LUCA NAPOLITANO e non mi ritengo assolutamente demente. Sono fiera di ascoltare la sua musica, le sue canzoni.
    La critica mi sta bene ma le offese non le sopporto.

  3. ZiaFri says:

    Mah…che dirti a parte che ti commenti da solo…forse hai un po’ di rabbia repressa in corpo,invece di scrivere certe cose per metterti all’attenzione degli altri perchè nessuno a quanto pare nella vita vera ti da conto potresti uscire all’aria aperta e farti una bella corsetta così io ed altri non staremmo qui a darti fin trope attenzioni.Ed ora che ti ho dato quei 15 min di pubblica gloria che pare tutti debbano avere prima o poi me ne torno nella mia “demenzia”… sarà perchè mi piace sostenere chi credo merita e se non ci arrivaassi da solo i personaggi pubblici hanno carriere perchè ognuno di loro a fans che li sostiene che abbiano 3 o 60 anni chi sia.Ciao Santone!

  4. anna says:

    Stamattina mi sono svegliata come ogni giorno credendo di aver raggiunto nella mia lunga vita almeno qualche obiettivo: ho fatto carriera nel lavoro, ho una certa cultura, una famiglia, amici di ogni ceto sociale (dall’avvocato all’operaio). Ora tutto d’un tratto ogni mia certezza dovrebbe vacillare solo perchè qualche arrogante asserisce che io, come moltissimi altri,sarei una demente perchè mi piace (tra gli altri) Luca Napolitano. In realtà sono orgogliosa e fiera di apprezzare un artista come Luca che, secondo me, merita di avere una lunga carriera come cantante!! Io glielo auguro di tutto cuore!!
    Complimenti a te,ai toni offensivi che usi e al tuo rispetto per le opinioni altrui!!! Cui prodest?

  5. Cristina says:

    Non è che parli un pò per invidia? Io sono una fan di Luca Napolitano, ho seguito la sua carriera, i suoi concerti, gli eventi che lo hanno coinvolto e lo ritengo un artista a tutto campo. Compro i suoi CD, aspetto l’uscita di quello nuovo e non vedo l’ora di ascoltare le colonne sonore che ha composto per il film in uscita. Poi arrivi tu, che dall’alto della tue conoscenze (?) mi dai della demente?
    Ok fiera di esserlo, se significa non seguire le mode e la manipolazione mentale che ci propinano ogni giorno!

  6. deborah says:

    Sinceramente questo articolo mi tocca poco e niente.
    Se dovessimo badare ad ogni articolo che esce su ogni giornale tutti i giorni, diventeremmo pazzi.
    Io sono una DEMENTE FAN DI LUCA NAPOLITANO, fiera di esserlo perchè amo la sua musica e lo ritengo un artista a 360 gradi.
    Magari gli Anti-Luca sorrideranno per questo articolo, ma sai cosa ti dico?
    La brutta figura la fa chi ha scritto l’articolo, non l’artista. Lui continua a scrivere e a suonare, e la tua opinione non gli di certo cambiare idea.

  7. Marzia says:

    Salve a tutti 🙂 mi chiamo Marzia, faccio parte del forum di Luca Napolitano e sono l’autrice delle parole citate nell’articolo.

    Vorrei avere il piacere di confrontarmi con l’autore dell’articolo perché trovo che ci siano alcuni punti da chiarire.
    Premetto che non amo trattare con diffidenza la gente, non sarebbe giusto considerare “spazzatura” quest’articolo, in quanto è stato scritto da un essere umano che merita rispetto (come tutti gli altri esseri umani).

    Nonostante io non condivida la quasi totalità di quanto scritto, non significa che io debba snobbarlo o considerarlo inferiore rispetto ad altri articoli.
    Sono comunque delle idee e, in quanto tali, le rispetto.

    Anche io ho delle idee e non posso pretendere che esse siano condivise da tutti. Semplicemente amo esporle e lo farò fino a quando sarò in vita, chi se ne importa delle critiche? 🙂
    Per me l’importante è non toccare la personalità altrui, non giudicare la gente (in quanto io non sono nessuno per farlo) e vivere in pace!

    Vorrei semplicemente aggiungere alcune cose, con tutto il rispetto, ho trovato affrettati certi giudizi.

    Prima di tutto, avrei una domanda: secondo quali criteri, è stato stabilito che “i fans di Luca sono dei dementi”?
    Non è una domanda ironica, sarei davvero molto curiosa di saperlo; mi chiedo quale ragionamento logico sia stato seguito, spero che tu possa rispondermi 🙂

    Me lo chiedo perché IO (e soltanto io) ho scritto quelle parole… e al massimo IO sono una demente, non TUTTI i fans di Luca!
    Se un francese di nome Pinco ruba dei soldi ad un uomo, Pinco sarà un ladro. Anche se 5 francesi facessero i complimenti al ladro, o se fossero suoi complici, al massimo anche loro potrebbero essere considerati ladri.
    Ma questo non può portarmi a dire che “i francesi sono dei ladri”! Sarebbe più giusto dire che ALCUNI francesi sono dei ladri.

    Dunque sarei stata più felice se nell’articolo ci fosse stato scritto che: “Uno dei tanti fan di Luca ha scritto le testuali parole, non trovate che sia un demente?”.

    Sarebbe stato più corretto da un punto di vista logico-linguistico.
    In questo caso, invece, si sta muovendo un’accusa (generalizzata e soprattutto, a mio parere, infondata) alla totalità dei fans di Luca.

    Chiudendo un occhio su tutto ciò, arrivo al nocciolo del discorso.

    Premettendo che adoro utilizzare il termine “agguato….”, non mi è sembrato che fosse inappropriato, puntini inclusi, riporto alcune parole dell’articolo e rispondo alla seguente domanda:

    ” vorrei dirvi cari fan di Luca Napolitano, non vi sentite idioti nel pensare, dire e scrivere il fatto che vogliate pilotare l’opinione pubblica per far vendere il cd di un artista? Non vi vergognate del fatto che senza tale mossa il cd di Luca Napolitano venderebbe pochissimo e che magari il motivo è proprio perchè non vale nulla e le canzoni sue nemmeno??”

    …che poi forse sarebbe meglio scriverla così!:

    “vorrei dirti cara fan di Luca Napolitano, non ti senti idiota nel pensare, dire e scrivere il fatto che voglia pilotare l’opinione pubblica per far vendere il cd di un artista? Non ti vergogni del fatto che senza tale mossa il cd di Luca Napolitano venderebbe pochissimo e che magari il motivo è proprio perchè non vale nulla e le canzoni sue nemmeno??”

    Bene, rispondo subito 🙂
    Sinceramente no, non mi sento un’idiota. Questo non significa che io non lo sia, potrei anche esserlo! Questo è solo ciò che penso di me, penso di non essere un’idiota.

    In ogni caso, penso che viviamo costantemente sotto un “regime” che giornalmente ci bersaglia di idee false, di falsi messaggi, di false notizie, di false pubblicità.
    Per un unico scopo: soldi, ricchezze, fama, successo.

    Molti artisti che oggi sembrano essere sulla cresta dell’onda, non sono altro che finti stereotipi creati dai mass media, pilotati dalle case discografiche che non fanno altro che pomparci il cervello con le loro canzoni e le loro immagini.
    Lo scopo è lo stesso: vendere! Fare soldi!
    E il talento? Che fine ha fatto?!

    La maggior parte dell’opinione pubblica si lascia coinvolgere facilmente, non avendo una buona cultura (musicale, per esempio).
    E si convince che Tizio o Caio è una star internazionale, quando invece non sa neanche cantare al karaoke!

    Ma loro, vogliono soltanto guadagnare e l’importante è vendere dischi, non importa se sei bravo o meno, l’importante è che funzioni!!
    Chissà quanti talenti in questo momento si trovano davanti alla play station e solo perché non sono conosciuti non sono nessuno.

    Purtroppo, l’artista che amo con tutta me stessa, Luca Napolitano, appunto, dal punto di vista mediatico è più svantaggiato rispetto ad altri.
    Non ha avuto la stessa visibilità che hanno avuto altri artisti e questo sicuramente non è andato a suo favore (nonostante abbia un ottimo carisma e nonostante abbia moltissimi fans che lo seguono da tutte le regioni d’Italia durante i suoi concerti).
    Il problema è proprio questo, il periodo in cui lui sta emergendo.
    Ci sono troppi artisti ultimamente ed è più facile che si passi in secondo piano da un momento all’altro.
    Si sa come sono le ragazzine, oggi uno, domani un altro.
    Dunque è proprio qui che io voglio intervenire.

    Voglio pubblicizzare quest’artista con le mie stesse mani, non mi importa se verrò criticata.
    Io amo il TALENTO e lo sostengo e lo farò fino alla fine.

    Quando l’autore dell’articolo dice che forse Luca Napolitano non vale nulla, trovo che non sia corretto.
    Personalmente trovo che Luca sia un talento molto raro, sono una musicista e difficilmente mi faccio rapire dal primo ragazzino dal bel visetto. Trovo che non abbia nulla in meno rispetto ad altri, canta e interpreta, scrive e arrangia i suoi pezzi, compone musica, suona il sassofono e il piano… può non piacere ma questo non vuol dire che non valga nulla. Anzi, io trovo che sia molto bravo.

    Non mi vergogno di dire che vorrei riempire il web di commenti a favore del mio artista preferito.
    Perché credo molto nelle sue qualità (autoriali, musicali, interpretative, ecc). E vorrei che tutti i fans di Luca lo facessero, perché in quello che viene scritto, non c’è nulla di falso (a differenza di ciò che fanno i discografici e i mass media con le nostre povere menti).

    Come si può notare ho parlato di SANA pubblicità, molto più pulita rispetto a quella che vige accanto a noi.
    Vorrei che tutta la pubblicità fosse così, VERA, SANA e PULITA, vorrei che ci si limitasse semplicemente nel parlare dell’artista in questione, senza alcuna finzione, semplicemente attraverso la pura realtà dei fatti.

    Aggiungerei che non credo che tutto ciò possa creare chissà quali effetti, Luca ha un disco di platino ed uno d’oro… è tutto merito suo. Non di certo mio.

    Scusate, forse ho scritto un po’ troppo 🙂
    In ogni caso amo confrontare le mie idee con quelle degli altri e spero di poterlo fare con l’autore dell’articolo (che spero mi risponda).
    Se ho fatto qualcosa di sbagliato, sono pronta a chiedere scusa.
    Vorrei solo dire che non amo pilotare la mente degli altri! Semplicemente amo cavarmela da sola nella vita e se nessuno provvederà a pubblicizzare il talento, lo farò io.
    Se poi non piacerà a nessuno o non funzionerà, non importa.
    Io potrò dire di averci provato 🙂 scambiatemi pure per demente, non mi importa.

    Con questo concludo e saluto tutti cordialmente,
    una fan (demente?) di Luca Napolitano, ma fiera di esserlo.

    MM88

    • @Marzia:
      Inizio con il complimentarmi per la tua risposta (cosa che ho fatto anche in privato), matura e sensata, anche se in alcuni punti non condivisa da me,

      però la prossima volta scrivi di meno :°(

      In realtà il giudizio è nato da un discorso del tipo:
      – “Hai visto che hanno scritto i fan di Napolitano?”
      – “si, sono dei dementi”

      E da li è partito questo post.

      Vivo in pace come vedi, la guerra è altra cosa 🙂

      Non giudico, constato ciò che è.

      Però potrei dire che un fan di Luca Napolitano è demente percèh pensa che tal cantante sia “alternativo”, quando invece il suo disco esce per “Warner Music”, una delle più grandi Major esistenti al mondo.

      Tutti i fan perchè? Perchè come vedi le risposte sono tutte uguali, i fan sono tutti uguali.

      Avrei potuto dire “Uno dei tanti fan di Luca ha scritto le testuali parole e tutti gli hanno dato corda, non trovate che siano dei dementi?”

      Il termine “agguato” ed altrettanti puntini sospensivi converrai con me che sono errati da un punto di vista prettamente linguistico.

      Vivi sotto un “regime”, vero, verissimo. Il regime televisivo che tra l’altro ci ha propinato Luca Napolitano. Il regime delle major che tra l’altro ci ha propinato a Luca Napolitano. E così via. Un regime che si ci bersaglia di idee false, di falsi messaggi, di false notizie, di false pubblicità, ed in mezzo a queste anche “Amici”.

      Lo scopo di queste è soldi, ricchezze, fama, successo, vero anche questo, ma Luca Napolitano per cosa lo fa?

      Molti artisti che oggi sembrano essere sulla cresta dell’onda, non sono altro che finti stereotipi creati dai mass media, pilotati dalle case discografiche che non fanno altro che pomparci il cervello con le loro canzoni e le loro immagini. Le tue parole, ma Luca Napolitano da chi è stato creato? Ed il suo scopo? Ed il suo talento quale è?

      Tu stessa dici che la maggior parte dell’opinione pubblica si lascia coinvolgere facilmente, così anche tutti coloro che seguono la TV. Parli di non avere una buona cultura (musicale, per esempio), e direi che Luca Napolitano non la innalza.

      Sicuramente in questo momento molti talenti sono davanti alla playstation, sicuramente molti altri sono al loro posto, sicuramente molti no ntalenti vengono osannati come tali.

      Purtroppo (per te, lo dici tu), l’artista che ami con tutta te stessa, Luca Napolitano, appunto, dal punto di vista mediatico NON è più svantaggiato rispetto ad altri, ha tratto i benefici di un reality quale amici, ha tratto i benifici di essere nel parco di Maria De Filippi, ha tratto i benefici del firmare con una Major come la Warner Music, ha tratto i benifici di apparire diverse volte su TGCom. Quindi non ha avuto meno degli altri di amici, magari è stato solo meno televisivo e per questo nello “star system” attuale non ha avuto grandi risultati. Ma non significa che in mezzo al sacco possano prendere tutti.

      Il problema ultimamente non è che ci sono molti artisti, il problema è che ogni anno si prendono 4/5 persone dai reality show o dai talent show, li si sparano in tv a ripetizione, si convincono le persone che siano bravi artisti e l’ano dopo si fa il ricambio. Cosa che è successa anche a Luca Napolitano.

      A me va bene che tu vuoi pubblicizzare quello che tu definisci un artista e talentuoso, ma secondo me non è nè uno nè l’altro.
      Talenti rari non sono quelli come Luca Napolitano, sono quelli come Billy Corgan, come Vinicio Capossela, come Steve Vai, Trent Reznor, Bob Dylan, Jimmy Page, e così via.

      Parli di talento raro che scrive e arrangia pezzi, ma come mai nel suo primo abum, su 11 canzoni, solo una canzone è completamente sua ed un altra è realizzata insieme ad altre persone, mentre il resto non sono opere sue?
      Insomma, anche Apicella canta e arrangia, anche Belen Rodriguez canta, anche Bill Clinton suona il sassofono, anche mio nonno suona il piano, ma nessuno di questi è un talento.

      Ti dai della musicista che difficilmente si fa accalappiare dal primo che passa, ma ne sei sicura?

      La musica PULITA è quella che si fa dal cuore, senza SIAE di mezzo, magari in Creative Commons e senza contratti milionari dietro 😀

      Se un disco di platino è un valore, allora gruppi come i Blue sono l’apoteosi della musica, o ancora peggio pensa che anche Valeria MArini ha vinto un disco di latino!!! 😀

      Alla fine non hai detto niente di male, hai fatto ciò che sentivi e di questo devi esserne fiera 🙂

      Ciao Fan fiera! 🙂

  8. Claudia says:

    Non voglio e non sono capace di abbassarmi a certi livelli, e criticare con conoscenze superificiali di un artista come Luca. Non si può parlare ancora di carriera, ha tanta strada da fare, ma ha tutte le carte in regola per diventare un’ artista prestigioso.
    Se ho dei gusti musicali diversi rispetto a tutte le persone che ascoltano le solite canzoni commericiali che si passano alla radio, sono fiera di essere chiamata demente.
    Viva il talento e Viva Luca Napolitano.

  9. Cristina says:

    Ma se non sai perchè parli? Prima informati e poi scrivi! Io ho detto che seguo la sua carriera e non che arrivato! Ma tu ti sei perso parecchie cose per strada e la critica è accettabile se si basa sui fatti non sulla tua rabbia e frustrazione repressa!! Altra informazione che ti manca è che il forum ufficiale di Luca non è protetto da password, ma tu perchè lo visiti se non ti interessa?

  10. vorrei capire cosa dovremmo invidiare a Luca Napolitano,”sei invidioso” è la risposta più insignificante che si può dare di fronte ad una critica.
    questa cosa della manipolazione mentale è proprio interessante poi……

  11. Cristina says:

    Non so se stai parlando con me, ma i miei due commenti sono postati e non sono fatti per mail. Colgo l’occasione per dire che ciò che ha scritto MM88 è esaustivo e chiaro sotto tutti i punti di vista e se i dementi sono questi….felice di farne parte!

  12. Uhm… Lobotomia, sei un testa di cazzo.
    Uhm… Luca Napolitano non è propriamente ciò che definirei talento. Mi dispiace che sia nato nell’era dell’usa e getta, ma se fosse nato prima non sarebbe mai salito su un palco, il talento è ben altro 😀

  13. Marzia says:

    @Sally, rispetto la tua opinione ma non sono d’accordo quando dici che se fosse nato prima non sarebbe mai salito su un palco.
    Lo dici come se fosse una certezza, piuttosto che un tuo semplice pensiero.
    Non sarebbe neanche corretto dire il contrario, in quanto io non so “cosa sarebbe successo se”…. non siamo mica a quell’assurdo programma di Enrico Ruggeri, vi ricordate? 😉
    Semplicemente dire che “il talento è ben altro” mi sembra una forma di presunzione.
    Ma non ho nulla contro di te 🙂 è solo che io la penso diversamente, io conosco quest’artista sotto altri aspetti. L’ho sentito suonare il sax, il piano, ho visto alcuni video che nel web neanche girano.
    E’ un peccato.
    L’idea che si ha di Luca è diversa da quello che effettivamente è Luca.
    Ma in ogni caso non importa 🙂 ho scritto queste parole semplicemente per dirti che non sono d’accordo con te, nonostante rispetti la tua opinione diversa dalla mia. Solo per uno scambio di idee, niente di più!

    P.S. grazie a chi ha detto di essere d’accordo con me nel commento precedente 🙂

  14. Claudia says:

    Lobotomia, io sono una fan di Luca Napolitano.
    Artista a 360° per me vuol dire, saper comporre musica, saper suonare uno o più strumenti, avere una base tecnica adeguata, essere bravi interpreti, vivere le emozioni in tempo reale e comunicare emozioni.
    Credo che Luca Napolitano dimostri una perfetta padronanza del palco, un giusto mix di umiltà, professionalità e passione. Se un cantante è a posto con se stesso, non ha paura di fare il proprio dovere di artista. Luca Napolitano quando canta, non recita una parte, la vive. Luca Napolitano ama ciò che fa, e se vuole può. Ha la volontà di esplorare senza sosta il canto e la musica.
    Cerchiamo di imparare a esplorare e conoscere questa musica e poi giudichiamo 🙂

  15. @Marzia: non stiamo lì a guardare pure le virgole, è un pensiero da me scritto e quindi vale come mio pensiero, non c’è scritto “legge universale”. Il succo del discorso è che a mio parere, così non ci sono malintesi, il talento non è quello di Luca Napolitano. Saprà suonare vari strumenti e avrà una bella voce, ma io credo che sia così famoso solo grazie ad “Amici”, altrimenti sarebbe passato inosservato come i tanti Marco Carta che ci sono in giro. La fortuna è avere un pubblico composto in prevalenza da ragazzine in piena “ribellione ormonale”, è su questo che fanno leva le case di produzione. Ormai il talento, quello vero, è merce rara. Onde evitare malintesi, continuo a rispettare il parere ed i gusti di chi apprezza Napolitano, pur non condividendo e siccome fortunatamente possiamo ancora goderci la libertà di espressione, ho ri-commentato solo per spiegare meglio la mia posizione 😉

  16. Marzia says:

    Comunque vorrei aggiungere solo l’ultima cosa, per chiarire e per concludere queste discussioni. 🙂
    Luca Napolitano può piacere così come può non piacere, ovviamente.
    Spesso ci facciamo influenzare dai pregiudizi (io per prima!) e giudichiamo un artista per quello che appare piuttosto che per quello che effettivamente è.
    Io sto provando a non farmi influenzare da alcun pregiudizio ma è più forte di me…. quando vedo tutti quei ragazzi così privi di esperienza su un palco, per non parlare dei loro CD (che sono una marea) mi verrebbe da prendere una maxi aspirapolvere di dimensioni mondiali e aspirare tutto xD
    Sono sincera, non ho mai amato i talent show.
    Come forma di intrattenimento possono anche essere piacevoli ma quando si eccede purtroppo no.
    Mi sembrano solo una scusa per trovare i nuovi “talenti” pronti a sfornare nuovi cd per produrre altre ricchezze, tanto il pubblico compra!
    Però, a parte tutto questo, ho capito che prima di giudicare un artista, bisogna conoscerlo e isolarlo dal contesto in cui è nato.
    Non bisogna snobbarlo solo perché esce da un talent, se ha tutte le carte in regola per essere un artista, ben venga il talent show che gli permette di farsi conoscere in giro.
    In fondo anche Luca Napolitano è uscito da un talent show. Dovrei “odiarlo” per questo? 😉
    L’ho conosciuto per puro caso, mentre dormivo, ho sentito la sua voce e mi sono svegliata e da quel giorno non ho mai smesso di seguirlo.
    Probabilmente se l’avessi visto in tv accanto a Maria de Filippi avrei cambiato canale e non l’avrei mai conosciuto.
    Ho capito che i pregiudizi non portano mai a nulla di buono.
    Da quel giorno, prima di giudicare un artista, cerco di conoscerlo. E così ho fatto.
    Ora posso affermare con certezza che nessuno di loro riesce a colpirmi minimamente, (eccetto Luca Napolitano, ovviamente).
    Concludo dunque con un invito: i pregiudizi sono un ostacolo per la conoscenza; cerchiamo di guardare con i nostri occhi e poi possiamo provare a dare dei giudizi.
    Speravo di confrontarmi verbalmente con l’autore dell’articolo ma non importa, non è poi così urgente 🙂 l’importante è che prima o poi legga le parole che ho scritto nei commenti precedenti.
    E’ stato un piacere passare su questo blog,
    saluto tutti cordialmente e chissà,
    magari alla prossima!
    MM88

    • @Marzia: io se avessi sentito la voce di Luca Napolitano mentre dormivo, mi sarei svegliato e avrei avuto paura ad addormentarmi per il resto dalla vita! 😀

      Confrontarci in forma verbale credo sia ben difficile, abiteremo lontani chilometri e chilometri. 🙂

      Alla prossima!

  17. @Marzia: io continuo a risponderti, anche perché davo per scontata una chiave di lettura priva di pregiudizi nei confronti del cantante. I talent show non piacciono nemmeno a me, ma pare che ormai si debba passare di là per poter salire su un palco. Questo non significa che un cantante debba essere pessimo a priori, ad esempio la Noemi uscita da X Factor a me piace un sacco. Ripeto, tra tutti i talenti in circolazione in Italia, quelli veri restano ignorati e vengono scelti quelli su cui si può far leva per attirare il pubblico. Se hai seguito Amici avrai visto anche la questione di Davide Flauto, che non aveva alcuna base per poter cantare, eppure l’han messo dentro la scuola perchè era “stravagante”. Se proprio vogliamo parlare di talento, tra tutti quelli che son venuti fuori quest’anno il più decente mi pare Pierdavide Carone, che fa tutto un pò da solo e sa giocare molto bene con le parole (a parte qualche eccezione, tipo “in tutti luoghi e in tutti i laghi”). Le canzoni di Napolitano sono filastrocche, testi che componevo anche io alle scuole medie. Con questo non voglio criticare i tuoi gusti musicali, è il mio modestissimo parere 😀

  18. Marzia says:

    @Lobotomia
    Mi fa piacere che la mia risposta sia stata apprezzata e mi fa piacere scambiare quattro chiacchiere (metaforicamente parlando, ovviamente) con l’autore dell’articolo.
    Chiedo scusa se scrivo troppo, credo che neanche questa volta potrò trattenermi, ma giuro che farò il possibile per essenzializzare i concetti. xD
    Allora…
    Prima di tutto non sono d’accordo con la questione “tutti i fan sono uguali”, vedasi “sillogismo aristotelico” per questo!
    Ma è meglio scavalcare la questione, altrimenti non finiamo più! Capita a tutti di generalizzare nella vita pratica, figuriamoci se sto qui a farne un dramma! 🙂
    Dunque, andando al sodo:
    E’ verissimo che Luca Napolitano ha un contratto con la Warner Music, (che molti sognano). Io stessa aggiungo che è grazie ad “Amici” che Luca Napolitano ha avuto la possibilità di farsi conoscere e tutto il resto.
    Sono perfettamente consapevole di questo.
    Ma è anche vero che dovremmo provare a metterci nei panni di un tizio che, come grande aspirazione nella vita, ha quella di fare il cantante.
    Oggi cosa deve fare? Battere la testa al muro?
    Beh, sarebbe una buona soluzione dato che se vuoi diventare qualcuno, da qualche anno a questa parte, devi necessariamente passare da Maria de Filippi o da Mara Maionchi.
    Dunque io non ho nulla contro il fatto che Luca abbia tentato di fare successo in questo modo. Se funziona così, perché no? Chiamalo scemo… ha sfruttato la situazione usando “Amici” come trampolino di lancio.
    Buon per lui.
    Qual è il fulcro della questione?
    Il fatto che la quasi totalità dei giovani di oggi, prende parte a questi talent con una superficialità indescrivibile… spesso anche senza avere tutte queste grandi qualità; e solo perché risulta simpatico al pubblico (dopo essersi fatto conoscere attraverso la TV) diventa una star brava e bella e scala tutte le classifiche grazie alla gente che la quota.
    E ovviamente le case discografiche ci marciano sopra!
    Anche Luca è un prodotto, per loro.
    Nient’altro che quello.
    Ma io so bene che lui non è il tipo da affermarsi presuntuosamente sul pubblico, lui stesso ha sempre affermato di non sentirsi “arrivato” ma semplicemente “partito”, grazie al programma che gli ha dato visibilità. E lo ribadisce sempre.
    Non si sentirebbe mai una star internazionale, perché sa di non esserlo, e sta vivendo il suo percorso gradualmente, con un’umiltà che spesso mi impressiona.
    Semplicemente è un ragazzo che ama la musica e che sin da piccolo ama cantare, suonare, dedicarsi ad essa.
    Nonostante non sia molto estroverso, ha cercato di mettere da parte la sua timidezza mostrandosi in pubblico, pur di coltivare questo suo grande sogno.
    E ha avuto fortuna, è riuscito a realizzarlo e sta continuando a farlo.
    Quando tu dici che Luca Napolitano fa tutto questo per soldi, fama e successo, purtroppo devo contraddirti.
    E’ ovvio che fare il cantante significa anche quello, ci mancherebbe altro! Ma l’amore e la devozione che questo ragazzo versa per quello che fa e per tutte le persone che lo seguono, è davvero indescrivibile.
    Non si tratta solo di fama, fidati!
    Uno dei tanti motivi per cui Luca mi piace è anche questo, non gliene frega nulla delle classifiche o dei soldi, semplicemente vive la giornata sperando che tutto vada bene cercando di fare quello che ama… e lo stimo per questo.

    Quando dici che su 11 pezzi del suo CD, uno solo è suo, è assolutamente vero!
    Ed è questo quello che più apprezzo di lui! Spiego meglio.
    Una volta chiesi a Luca, tramite un blog, come mai non facesse un album tutto suo.
    Ero rimasta impressionata dalla sua velocità nel creare un pezzo o nel comporre una musica e mi chiedevo come mai non sfruttasse meglio questa sua dote.
    Rispose che “quando hai la possibilità di collaborare con persone importanti, vale la pena di farlo”.
    Poi capii ogni cosa.
    Luca sta sì, sfruttando il successo, ma sta anche capendo (a differenza di molti altri) di non essere “nessuno”!
    Sta semplicemente INIZIANDO un percorso, sta sfruttando il successo nella giusta misura, senza approfittarne troppo. Vivendo semplicemente il suo sogno.
    Aggiungerei che durante i suoi concerti c’è la sua band che lo accompagna.
    Se fossi in lui ovviamente mi metterei a suonare come una folle per farmi notare un po’. Poi trovo che nell’improvvisazione se la cavi molto bene!
    E invece no, si limita per dare spazio alla sua band perché sa che il palco non è solo suo. Lui non suona per far capire agli altri quanto è bravo, suona perché ama farlo. E non eccede mai.
    Inizialmente pensavo che fosse stupido quest’atteggiamento ma solo ora ho capito.
    Forse sto scrivendo troppo, meglio concludere subito.
    In breve: non penso che Luca abbia intenzione di dominare le classifiche o di diventare un famosissimo ricco sfondato.
    Se così fosse, chi se ne importa?
    Peggio per lui.
    Quello che mi dà fastidio è che un artista SANO (che si è semplicemente limitato ad adattarsi alla nuova realtà per realizzare il suo sogno) e TALENTUOSO (a mio parere, ovviamente) venga sorpassato da altri artisti solo perché vendono di più o perché sono più simpatici al pubblico, o solo perché sono iper-pubblicizzati.
    Non sanno neanche scrivere una canzone, non sanno neanche dove si trovi il “Do” su una tastiera. Alcuni non sanno neanche cantare. Eppure si ritrovano primi in classifica per le loro vendite.
    E’ o non è assurdo?
    Adesso io non voglio discutere sul concetto di talento.
    Però trovo assurdo sentirmi dire che i talenti rari sono questi: Billy Corgan, Vinicio Capossela, Steve Vai, Trent Reznor, Bob Dylan, Jimmy Page, e così via.
    Si sta categorizzando una serie di grandi nomi, eccellenti, assolutamente, ma trovo che sia fuori luogo fare certi confronti.
    Potremmo aggiungerne altri 1000, potremmo fare una lista infinita: Richard Wagner, Wolfgang Amadeus Mozart (beh, che dire del suo “orecchio assoluto” che ha messo in crisi un mare di biologi e psicologi?), Stevie Wonder, James Brown, Marvin Gaye, Fredde Mercury, mi stanno venendo in mente un mare di nomi. Ma che senso ha tutto questo?
    Non è ridicolo paragonare tutti loro a un “povero sfigato” di nome Luca Napolitano?

    Quando dici che Clinton suona il sassofono, che tuo nonno suona il piano, è vero, nessuno di questi è un talento…
    Ma allora, per te, che cos’è il talento?
    Avere un bel nome come Arnold Schönberg??
    Nessuno di noi può stabilire un prototipo assoluto di talento, perché ognuno ha i propri gusti e le proprie preferenze.

    Semplicemente io continuo a sostenere che Luca Napolitano abbia un grande talento, nonostante sia ancora presto per mostrarlo effettivamente. Per adesso dovrà accontentarsi di cantare “musichette di massa”. Mi sta bene. Prendetemi pure per folle,non mi importa. Io credo molto in lui e trovo che abbia delle ottime qualità artistiche e compositive.

    Concludo:
    “Ti dai della musicista che difficilmente si fa accalappiare dal primo che passa, ma ne sei sicura”?

    Non mi offenderò per questa frase 🙂 ma sappi che in ventun’anni di vita ho sempre ascoltato tutti i tipi di musica, dalla classica alla etnica, dalla pop alla metal, proprio tutti i generi.
    E sappi che ho sempre preferito suonare, piuttosto che comprare CD o piangere alla prima fila di un concerto.
    Ho sempre amato la musica più di ogni altra cosa e non abbasserei mai il mio amore per essa davanti al primo che passa.
    Ne sono sicurissima!
    Nessun artista mi aveva mai colpito così tanto e non mi vergogno di dirlo.
    Scambiatemi pure per folle ma sono fiera di amare un talento di nome Luca Napolitano.
    Da una semplice e simpatica provocazione è nato tutto questo…. forse io ho esagerato un po’ con la scrittura!! Però non è stato male questo scambio di idee.
    Non mi è dispiaciuto affatto (malgrado voi lettori!).
    Meglio non portare troppo alla lunga l’argomento, è meglio concludere :)soprattutto per chi dovrà leggere!
    Saluto tutti cordialmente! E saluto “lobotomia”!
    Con affetto,
    Marzia!!

  19. Roberta Lukina 4 ever says:

    Ohhhhhhh carissimooooo abbassa 1 po la cresta!!!! qui il demente mi sa ke 6 sl tu…e nn xmetterti + di parlare così di Luca xk Luca è un VERO TALENTO!!!!Anti-Luca mettevelo bn in mente in qll testolina..
    Luca 6 fantastiko…only the best…nn vedo l’ora di ascoltare il nuovo cd <3<3<3
    Baci a tutte le lukine e continuate a supportare luca..fregatevene dei commenti idioti delle altre xsn 😉

  20. Marzia says:

    @Sally

    Solo ora ho visto la tua risposta!
    Infatti, sono pareri, appunto! Anch’io la penso come te, eccetto il discorso di Luca Napolitano, ovviamente 😉
    So che presto si farà conoscere diversamente dal pubblico, si farà conoscere lentamente…
    Il mio discorso era molto generico.
    Ciao 🙂

  21. La solita Marzia xD says:

    Basta provocarci, finiamola qui! 😉
    Non si ottiene nulla!
    @Roberta Lukina, non occorre continuare ad attaccarci, questi articoli girano sul web ma il loro unico scopo è quello di punzecchiare un po’, non c’è nulla di terribile.
    Non prendiamocela per queste cose, prendiamola a ridere!! 😀

  22. laura says:

    Una cosa ci tengo a dire dopo aver letto tutti questi commenti. Io amo Luca Napolitano, ho 54 anni, non mi strappo i capelli davanti ai ragazzini, erano 30 anni che non compravo un disco e non guardo Amici o XFactor.
    Ho comprato i dischi di Luca Napolitano, continuerò a non guardare Amici e XFactor, comprerò il prossimo disco di Luca Napolitano e non mi considero una demente. Ascolto la musica che mi piace e lascio che voi ascoltiate chi piace a voi.
    Dove sta il problema?

  23. cecilia says:

    secondo me ttt quelli k scrivono male su luca sono solo dei presuntuosiiii…nn lo hanno mai ascoltato…mai capito quello k comunica anke con un solo sguardo..
    purtroppo nn ttt possiamo avere la stessa opinione, e questo è giusto!!
    però prima di parlare ASCOLTATELO PER FAVOREEEEEE!!! ascoltate ogni singola parola delle sue canzoni e guardateloooo…
    il mio sogno più grande era andare ad un suo concerto e finalmente quest’anno l’ho realizzato…
    è stata un’emozione k nn avevo mai provato primaaaa…
    I BRIVIDI…
    LE LACRIME SCENDEVANO DA SOLEEEEE!!!
    nn potrò mai dimenticare queste emozioniiii…
    GRAZIE LUCAAA..
    sono sicura che il cd andrà benix nn sicuramnete per qualche commento delle fan…
    ma perchè LUI E’ SPECIALE…
    EMOZIONE UNICAAAAAA…
    ED E’ L’UNICO K HA SAPUTO DIMOSTRARE COME SI PUO’ ANDARE AVANTI CON TANTA UMILTA’ E SINCERITA’!!
    e poi le fan fanno d ttt x ringraziare luca x ttt queste emozioni ed è normale k vogliano k il cd vada bene… NON PER QUESTO SIAMO DEMENTIIIIII..

    GRAZIE LUCAAAAA… T AMOOOOOOO
    (fan d luca continuiamo ad amarlo…perchè solo questo è quello k contaaaa…e lasciamo perdere ttt le criticheee fatte senza un minimo di criteriooo)

    LUCAAAAA GRAZIEEEEEE

    BACI

Rispondi