Laura Chiatti fa scandalo nuda nel film Il caso dell’infedele Klara

Laura Chiatti comparira in una scena di nudo e abbastanza hot nel film “Il caso dell’infedele Klara” . Il film, diretto da Roberto Faenza e con la presenza nel ruolo di coprotagonistra di Claudio Santamaria, esce nelle sale cinematografiche il 27 marzo 2009.
La trama del film si basa sull’amore tra i due protagonisti e punta tanto sulla figura gelosa del protagonista maschile che lo porta addirittura a far pedinare la fidanzata.

Al cinema si vedrà una Laura chiatti completamente nuda recitare in alcune scene piccanti, la notizia ha suscitato molto clamore sul web.

Ma i “nudi cinematografici” sono davvero ancora considerati scandalosi?

8 thoughts on “Laura Chiatti fa scandalo nuda nel film Il caso dell’infedele Klara

  1. ron says:

    Ma i “nudi cinematografici” sono davvero ancora considerati scandalosi?

    Non credo che una scena di nudo in un bel film sia scandalosa basta che non sia volgare.
    Per un’attrice penso faccia parte del suo lavoro e non ci trovo niente di scandaloso se effettivante il nudo non è gratuito ed ha un significato ben preciso, purtroppo spesso i registi li usano solo per catturare pubblico.

    NO ALLA VOLGARITA’ SI AD UN BEL NUDO SOPRATTUTTO SE SI TRATTA DI UNA BELLA ATTRICE|

  2. sara says:

    Ma cosa succede sui set cinematografici? sono diventati tutti set porno? Ogni pellicola che esce è composta da una o più scene di scopate! Ce le debbono per forza propinare? Non abbiamo bisogno che ci spieghino come si fa, ci dovrebbero lasciare un po’ di immaginazione. Certe situazioni dovrebbero essere trasmesse con delicatezza; il sesso o l’amore è una percezione privata non può essere sbattuto in faccia in modo crudo. Se voglio vedere certe scene guardo un bel film porno; ce ne sono tanti, a buon mercato. E’ mai possibile che ad ogni uscita ci si debba informare prima se ci sono scene di sesso troppo esplicite oppure no? Ma queste attrici perchè non si ribellano? Purtroppo debbo constatare che ogni romanzo o film parte da una idea: una scena di sesso esplicito ben visibile e congegnata, poi ci si arzigogola un preambolo ed un successivo…e così si raggiunge lo scopo. Tutti i ragazzi delle prime file nelle sale cinematografiche a fare seghe. Questo è il nuovo cinema italiano! scusatemi tanto per la volgarità delle parole, ma le volgarità delle immagini sono ben peggiori!

    Non è necessario fare scene di nudo per fare un buon film, basta a questi nudi in tv e al cinema!

  3. federico says:

    Perchè questi registi spogliano sempre le attrici, soprattutto quando sono giovani e belle.
    Per me intanto che girano sono un pò infatuati della loro
    attrice del momento, la ritengono una loro creatura e vogliono almeno attraverso la cinepresa avere tutto di loro.
    Diciamocelo sono un pò guardoni.
    E poi la figa è sempre piaciuta.

  4. franco says:

    Un nudo cinematografico se non volgare e se è necessario lo trovo molto piacevole, questo dipende molto dal regista e dall’attrice.
    Per dei nudi integrali è necessario non avere un corpo molto formoso e soprattutto non deve essere rifatto altrimenti si cade nel volgare e quasi porno.
    La Chiatti si può permettere di mostrare un bel nudo e poi è bellissima. Faenza è un buon regista per cui sicuramente vale la pena vederlo.

  5. luigi says:

    Non direi.
    Mentre un film o delle scene erotiche possono essere anche educative e non di cattivo gusto, la vera volgarità è data del marciume che infesta le reti.
    Molto ma molto più volgare gli stuoli di zoccole senza qualità che presentano e sculettato e svallettano…oppure vedere dei reality come il GF.

    Vedere una bella attrice nuda non è volgare ma fa parte del suo lavoro se la scena lo richiede.

    Quelli che ho trovato ultimamente molto belli e per niente volgari sono stati quello della Ramazzotti in tutta la vita d’avanti molto spiritoso e necessario e quella della Puccini in colpo d’occhio molto poetico e delicato, quello di Moretti si poteva evitare.

    Aspetto di vedere adesso quello della Chiatti e poi di Faenza mi fido.

    W la patata e chi ne fa le veci

  6. rosa says:

    ma non ci rendiamo conto che a qualsiasi ora del giorno e in qualsiasi canale televisivo, sono mostrate donne che poco manca all’essere nudo. Perché ci scandalizziamo se siamo abituati a vedere culi e tette ovunque sui programmi televisivi?

  7. enrico says:

    il nudo cinematografico dipende oltre la scena da chi lo fa
    io direi:
    SI quando a spogliarsi sono attrici giovani e belle come la Chiatti, la Ramazzotti, la Placido, la Incontrada ecc.
    No quando sono vecchie
    NO al nudo maschile

    e soprattutto NOOOO alla volgarità.

  8. ricky says:

    Infatti finchè le scene di nudo sono fatte da attrici così la Chiatti, la Capotondi,la Puccini,la Mezzogiorno attrici raffinate senza nulla di volgare, ben vengano queste scene che ci fanno apprezzare il nudo in tutta la sua bellezza artistica e naturale.
    Qualcosa di bello che da un valore aggiunto al film.

Rispondi