Microsoft rilascia Photosynth: migliore di Flickr e Picasa?

Microsoft ha ufficialmente rilasciato Photosynth, creato dai Microsoft Live Labs si propone come alternativa migliorata dei più noti Flickr e Picasa e sembra avere qualche caratteristica interessante pronta a dargli la marcia in più per recuprare il terreno già perduto.

Photosynth permette di caricare on line delle foto e visualizzarle in un ambiente 3D navigabile. Basterebbe già questa caratteristica a far primeggiare Microsoft tra le concorrenti, inoltre i 20GB di spazio a disposizione per archiviare le foto non sono di poco conto. Per il resto dei servizi Photosynth è allineato ai principali concorrenti.

Per utilizzare però Microsoft Photosynth si ha la necessità (sarebbe meglio dire obbligo) di installare due software, il client di visualizzazione e l’uploader.

In realtà c’è già chi si pone qualche domanda non di poco conto, Simplicissimus fa notare che il software funziona bene con “le foto giuste”, cioè bisogna adattare i propri scatti al software e non viceversa.

Sarà un successo o un flop?

4 thoughts on “Microsoft rilascia Photosynth: migliore di Flickr e Picasa?

  1. Non sono d’accordo con il confrontare questo “prodotto” con servizi come Flickr o Picasa(cosa che invece risulta più semplice fare fra i due appena citati), per il semplice fatto che Photosynth nasce con una finalità diversa cioè quella di permettere l’esplorazione/navigazione di un’ambiente 3D costruito tramite foto(qualcosa di 2D).

  2. Penso anche io che le caratteristiche siano ben diverse, però quanti vorranno utilizzare due servizi diversi per due cose diverse? E quanti realmente hanno davvero la necessità di una navigabilità 3D tra le foto?
    Allora Microsoft se vorrà una fetta di mercato dovrà conquistare anche gli utenti degli altri due servizi.

    P.S. la prossima volta perchè la posto di un indirizzo non metti un nick così evito di combattere con l’antispam? 😛

  3. ..ops scusa per l’indirizzo 😉
    Per la prima domanda penso che alla fine i servizi Photosynth e Flickr possono benissimo andare a braccetto, nel senso che come è già stato dimostrato alla conferenza TED nel maggio del 2007:
    http://www.ted.com/index.php/talks/blaise_aguera_y_arcas_demos_photosynth.html
    è possibile usare foto prese da Flickr(foto scattate da diversi utenti in diversi momenti della giornata) da usare in photosynth per la “costruzione” di notre dame.
    Quindi non vedo perchè uno dovrebbe preferire uno o l’altro o perchè una persona non dovrebbe usare un sistema solo perchè fa una “sola cosa”. Il web se vuoi è pieno di servizi che permettono di fare una sola cosa.
    Chi può avere necessità?
    Bhè io personalmente vedo Photosynth come un ulteriore tassello da non vedere sleggato al tutto, quindi non mi chiedo se preso singolarmente mi può essere “d’aiuto”, ma bensì se può andare ad arricchire altri/e servizi/tecnologie.
    Microsoft negli ultimi anni sta cercando di sviluppare tecnologie capaci di dialogare tra loro senza troppi sforzi da parte dello sviluppatore, in questo caso per esempio è possibile pensare a Photosynth in accoppiata a Virtual Earth(e chissà in futuro quali saranno le uteriori evoluzioni).

  4. beh in realtà molti preferiscono avere un solo account per fare tutto, Google in ciò è leader, ma OpenID sta proponendosi come buona alternativa, secondo me al giorno d’oggi l’integrazione è vitale per ottenere risultati. Microsoft ha dalla sua la forza marketing.

Rispondi