Orgasmi da Wii Fit Board

Come ben sapete, sono un felice utente della Nintendo Wii, strano e malefico aggeggio che spesso fa parlare di se per i motivi più improbabili.
Oggi il motivo per cui questa console richiama l’attenzione non è per i suoi videogame o la sua originalità, bensì perchè a causa di una caduta dalla Wii Fit Board, una ragazza ventiquattrenne inglese, Amanda Flowers, ha subito un danno al sistema nervoso in seguito al quale le è stata diagnostica una sindrome da eccitazione sessuale persistente.

In pratica a causa di un nervo lesionato durante la caduta, la ragazza in seguito a qualsiasi vibrazione, che sia anche provocata da un celulare o da un frullatore, ha un aumento improvviso ed irrefrenabile della sua eccitazione, avendo così ripetuti e continui orgasmi.

Per la povera ragazza non esiste cura, ma visto ciò, se vorrà evitare tale cosa, non potrà più giocare nè con la Nintendo Wii ne con altre perificheriche e console che utilizzino sistemi con vibrazioni.

Malattia o cosa?

io penso che a volte le notizie dalla blogosfera siano strane

5 minuti di pausa dal lavoro, rapido giro nei blog e leggo 2 notizie che mi fanno pensare che spesso la blogsfera dia notizie “strane” oltre che ripetute (parlano, anzi parliamo, tutti degli stessi argomento nello stesso momento).

  1. Una donna ha 250 orgasmi al giorno senza volerlo, ma a parte che già circa un anno fa si parlò di un caso simile, perchè non si parla di uno come me che non ha un orgasmo da tempo immemore???
  2. I Radiohead distribuiscono via internet il loro ultimo album e lasciano agli utenti la scelta di quanto pagare. Dopo una settimana quasi tutti analizzano il caso e lo etichettano come un fallimento.
    Ma siamo sicuri che sia da considerare tale?
    Sicuri che le piccole offerte (non quelle che dicevano 0,00 sterline) supportate da un grande numero non hanno dato loro magigori incassi di quanti gliene avrebbero dati quelli provenienti da una vendita via classici negozi?
    Siamo sicuri che la versione deluxe del cd non ha portato introiti? E quanti ora acquisteranno il cd (anche tra quelli che non hanno offerto nulla)?
    Quanti andranno a spendere dai 25 ai 70 euro per un concerto di un gruppo che magari non avrebbero apprezzato o nemmeno conosciuto solo perchè non avrebero acquistato il cd?
    E infine, signori miei, chi ha offerto 0 sterline in ogni caso lo avrebbe scaricato dai vari P2P (emule, kazaa, bittorrent etc), a loro non sarebbe cambiato nulla, è cambiato invece che magari alcuni di questi almeno qualche euro lo hanno sborsato, anche se irrisoria come cifra, un supporto lo hanno dato.

Due notizie strane si…

Basta non mi dilungo più, tanto erano solo pensieri personali!